SONDAGGIO. Ecco quali sono le squadre più amate del calcio cremasco

Dopo un sondaggio effettuato dalla redazione di Baloo Calcio siamo stati in grado di stilare una classifica delle squadre cremasche più amate

Di Redazione | Martedì, 22 Agosto 2017 13:10

Come noto, in qualsiasi ambito, a suscitare le simpatie sono sempre le realtà umili e che fanno di determinati valori il proprio credo. A volte è anche solo una questione di stile, ma il maggior consenso è sempre riscosso da realtà che riescono ad ottenere ottimi risultati con delle risorse limitate. 

Partiamo dalla categoria più alta, la Serie D, dove emerge la febbre da derby. Confronto che in questo senso è stravinto dalla Pergolettese la quale, dopo anni di calcio di alto livello, continua a rispecchiare la parte meno nobile e più popolare del calcio cittadino. La squadra gialloblù, guidata dal tecnico “pittore” Curti, ha sicuramente meno peso dal punto di vista dell’advertising locale, ma vista la storia più recente e vista anche una gestione più parsimoniosa e meno appariscente, riesce a reclutare più “aficionados” rispetto al Crema 1908.
I cugini tuttavia se ne faranno di certo una ragione, e magari proveranno ad aggiudicarsi l’altro derby, quello più importante. Ma è anche lecito credere che l’ostentazione messa in atto in pompa magna dalla società cremina si sia rivelata anche un’arma doppio taglio per un pubblico di provincia. E’ vero che la comunicazione è indispensabile, oggi più che mai, ma a quanto pare l’esagerazione rischia di produrre effetti contrari. Il potere affascina un po’ tutti ma non sempre è amato, specialmente nel mondo del calcio. 

L’Eccellenza invece presenta società che godono di grandissima approvazione. 

Della Luisiana da sempre si ammira la gestione del settore giovanile, ma dopo il mezzo miracolo targato Lucchi Tuelli (allenatore e amico di molti addetti ai lavori) che è valsa una promozione storica in Eccellenza, attorno ai colori nerazzurri si è creata una vera e propria magia calcistica. 

Stesso discorso vale per l’Offanenghese di cui si apprezza moltissimo il lavoro degli ultimi anni, fino al grandissimo obiettivo centrato dell’Eccellenza. A gravare leggermente sul grado di apprezzamento giallorosso c’è la forte competizione con il CSO Offanengo di seconda categoria che di fatto divide un po’ il paese. 

In Promozione spicca per simpatia il Romanengo di mister Scarpellini, squadra che negli ultimi anni ha generato non poche emozioni negli appassionati di calcio locale. Il carisma del tecnico è forse il fattore più determinante in un progetto che comunque può contare su altre figure di grande capacità. 

Anche il Castelleone in questi anni ha fatto registrare tantissimo seguito. Piace un po’ a tutti la gestione di mister Miglioli, e con la compartecipazione societaria, piace la scelta di dare così tanto spazio ai giovani. La Soresinese, che avvicinandosi di parecchio al territorio “nemico” cremonese, non possiede esattamente un posto in prima fila nelle squadre più amate, ma la presenza di molti protagonisti cremaschi in questi ultimi anni ha comunque suscitato molto interesse anche nel nucleo cremasco. Inoltre la società ha sempre lavorato con grande serietà e professionalità, cosa che ha spinto la realtà rossoblu a ritagliarsi quanto meno un posto fra le società più stimate. 

La Rivoltana è sicuramente il brutto anatroccolo in termini di simpatia. Nonostante la storia importante, la discontinuità dei vari progetti che si sono susseguiti negli ultimi anni non ha sicuramente giovato all’opinione generale così come in quella di molti calciatori rimasti delusi dall’esperienza vissuta in gialloblù. 

Dalla Prima Categoria in giù invece piace molto il progetto della Spinese, in cui l’ossatura è composta da giocatori del paese e in cui non si applicano rimborsi ai giocatori. Stessa cosa vale per l’Excelsior Vaiano di Terza Categoria che è stato completamente rifondato, richiamando al rapporto un gruppo di tutto rispetto di ragazzi di Vaiano Cremasco. Suscitano molta simpatia anche realtà umili, ma competitive come l’Oratorio Sabbioni, il Pieranica e l’Ombrano Aurora protagoniste in Seconda Categoria. 

Coinvolge sempre più appassionati il mondo del calcio femminile: la Doverese è pioniera del calcio in rosa dell'intero territorio, che anche a Castelleone e al Crema 1908 ha trovato terreno fertile per continuare a crescere.

Avanti tutta!

Tiramisù