SERIE D. Mercoledì di assenze: pari Pergo, ko Crema 1908

Cremasche decimate dagli infortuni, ma non brillanti nel turno infrasettimanale. Gialloblù ancora rimontati sull'1-1 da una formazione alla portata come il Ciserano. Nerobianchi ko 3-1 con la corazzata Rezzato nel posticipo

Di Redazione | Giovedì, 18 Gennaio 2018 10:03

Dragoni e Premoli, Armanni e Osnaghi, senza contare il cambio obbligato per Rossi nel primo tempo.
Pagano, Donida e Testardi.

Assenze pesanti, rispettivamente per Pergolettese e Crema 1908, ma comunque non sufficienti per fotografare i risultati negativi maturati nel turno infrasettimanale disputato ieri.

Nel match del pomeriggio, i gialloblù di mister De Paola non riescono a esibire una prestazione convincente fino in fondo: il Ciserano arriva al Voltini con grande determinazione e pronto a pressare in più aree del campo; nonostante tanti errori, il gol del vantaggio gialloblù arriva sempre grazie a un Ferrario da record, giunto al suo 19° centro stagionale con la deviazione da distanza ravvicinata per l'1-0.
Se la fotografia più bella della giornata è quella del presidente Marinelli che consegna una targa celebrativa a Davide Rossi per le sue 100 presenze con il Pergo, questa è anche l'immagine più malinconica: lo stesso Rossi viene infatti chiamato al cambio già nel corso del primo tempo. Il 433 schierato da mister De Paola diventa così un 442 con Morello ad allargare il proprio raggio d'azione, facendosi comunque apprezzare: da un suo cross, nasce la più ghiotta occasione per il raddoppio, che prima Manzoni e poi Ferrario non riescono a capitalizzare.

La ripresa si apre con un Pergo pronto a cercare il bis per chiudere i conti, ma ancora una volta senza successo. E ancora una volta sono gli avversari a pareggiare: l'uscita di Leoni travolge Achenza, inducendo il direttore a concedere il penalty che l'ex Crema 1908 Serafini trasforma nell'1-1. Da quel momento la gara scivola sui binari dell'agonismo: fasi di gioco spezzettate fanno invece scorrere velocemente le lancette del cronometro, senza che il Pergo riesca a incidere veramente in zona gol. Il rosso comminato ad Achenza, con Leoni costretto al cambio con Ghislandi, apre a un recupero tanto lungo quanto inefficace per gli assedi cremaschi.

Con i due punti persi al Voltini, la Pergolettese si morde le mani per un totale di 4 punti lasciati per strada in 4 giorni: punti che avrebbero permesso di arrivare a -4 dalla vetta, distante ora il doppio delle lunghezze. Domenica si torna in campo nella tana dello Scanzorosciate: puntare alla vittoria è doveroso per difendere il 5° posto e provare a voltare definitivamente pagina.

 

 

Discorso diverso, ma altrettanto amaro per il Crema 1908: i nerobianchi cadono 3-1 nel posticipo serale a Rezzato.
Troppo forti i bresciani, che se all'andata erano stati fermati al Voltini con un ottimo 0-0 dai cremini, nel return match dopo le rispettive rivoluzioni, hanno fatto valere il gap tecnico-tattico-atletico a proprio favore.
Certamente il Crema 1908 avrebbe potuto impostare una gara diversa contando sui propri attaccanti titolari, Pagano e Testardi, e anche sul contributo sempre prezioso di Donida, ma mister Lucchetti si abbottona con sagacia, lasciando in avanti il solo Bahirov. Il Rezzato controlla il match da grande squadra: i bresciani non esibiscono uno strapotere al cospetto dei cremini, ma mostrano di poter far male in ogni momento. Bastano due occasioni ai padroni di casa per centrare il bersaglio grosso: Bellazzini viene fermato da un legno in avvio, ma al 30' Mair è bravo a incornare in rete l'1-0, anticipando Arpini, una transizione nata dal recupero di Gurini su Ogliari.

Il piano della partita porta il Crema 1908 a cercare il gol in avvio di ripresa, ma il Rezzato tiene botta all'avanzata cremina, pericolosa con Porcino, confermandosi quadrato nelle retrovie e cinico in avanti: al 68' Bellazzini gonfia la rete con un preciso calcio di punizione per il 2-0. Nel finale Coly arrotonda il punteggio sul 3-0 dopo un corner, ma allo scadere il reintegrato e subentrato Erpen si procura e trasforma il penalty del definitivo 3-1.

Non larghi sorrisi, ma nemmeno drammi in casa nerobianca per il ko nel match con una delle più costanti e accreditate formazioni in corsa per la Serie C.
Molto meglio concentrarsi sui prossimi due appuntamenti da non fallire: con Romanese e Grumellese serviranno due vittorie per rilanciare la classifica e puntare a ottenere la salvezza diretta.

 

 

SERIE D - Girone B


PERGOLETTESE
(4-3-3): Leoni (46’ st Ghirlandi); Brero, Baggi, Contini, Villa; Piras (20’ st Fantinato), Manzoni (28’ st Guerci), Poesio (42’st Peri); Rossi (21’ pt Boschetti), Ferrario, Morello.
A disposizione: Piloni, Sonzogni.
Allenatore: Luciano De Paola 

CISERANO (4-2-3-1): Tabokas; Motta (18’ st Maffioletti), Suardi, Cortinovis, Crociati; Biraghi, Scampini (18’ st Sobacchi); Becchio (28’ st Giovanditti) , Cariello, Achenza; Serafini.
A disposizione: Bolis, Longo, Marino, Ronchi, Siviero.
Allenatore: Dossena Alexandro 

Arbitro: Sig. Loic Nana Tchato di Aprilia 
Ammoniti: Piras, Poesio.
Espulso: Achenza al 46’ st per somma di cartellini gialli.
Note: giornata soleggiata, spettatori 300 circa, terreno in buone condizioni, corner 7-9 per il Ciserano, recuperi 1’ + 8’.


REZZATO - CREMA 1908 3 - 1

30’ pt Mair, 23’ st Bellazzini, 43’ st Coly, 49’ st Erpen

CREMA 1908: Marenco, Arpini, Scietti, Gomez (17’ st Capuano), Mantovani (43’ st Tonon), Stankevicius, Ogliari (28’ st Matei), Mandelli, Porcino, Bahirov (39’ Erpen), Dell’Anna (34’ st Ferrario).
A disposizione: De Bastiani,, Gibeni.
Allenatore: Maurizio Lucchetti.

REZZATO: Lancini, Gurini, Giorgino, Bellazzini (27’ Carisdi), Cazzamalli (5’ st Jadid), Mair, Ruffini, Gualdi (32’ st Sanè), Ruffini, Tissone, Coly.
A disposizione: Bonometti, Caridi, Bertazzoli, Ambrosini, Mecca, Licini, Ruopolo.
Allenatore: Emanuele Filippini. 

Arbitro: Sig. Luigi Catanoso di Reggio Calabria
Assistenti di Linea: Sig. Francesco Tambone di Bologna e Sig. Manuel Anelli di Padova.

Tiramisù