ZOOM SECONDA. Fuochi d'artificio tra Scannabuese e Montodinese: spettacolare 2-2!

Cappellini illude i biancorossi con una super doppietta in 20 minuti, Cappa e Piccolo firmano la rimonta prima dell’intervallo, ispirati dai magici assist di Viviani

Di Stefano Gipponi | Mercoledì, 21 Settembre 2016 16:09

SECONDA CATEGORIA – Girone I

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA

SCANNABUESE – MONTODINESE 2 – 2
Cappellini (M), Cappellini (M), Cappa (M), Piccolo (M)

 

Una sfida che è ormai tradizione, una rivalità sportiva perpetratasi negli nelle recenti stagioni che continua a regalare emozioni: Scannabuese e Montodinese non tradiscono le attese, offrendo uno spettacolo per palati fini: 2-2 ricchissimo di colpi di talento; un grande spot per il calcio cremasco!

Le certezze della Scannabuese, protagonista di un avvio di campionato autoritario, suggellato da due vittorie e una difesa di ferro, e i dubbi della Montodinese, reduce dalla sconfitta di Chieve che aveva mostrato qualche limite strutturale: le due squadre approcciavano la gara con due umori totalmente diversi.

 

 

 

In molti, di conseguenza, si aspettavano un inizio di gara con il piede sull'acceleratore degli Scanna-boys nel tentativo di imporre la propria legge sul campo di casa. Al contrario, è stata la Montodinese, con un inizio di fuoco, a incendiare il match, complice la giornata di grazia di Cappellini: nell'arco di 20' il nueve biancorosso ha trafitto per due volte la difesa biancoverde. La rete dello 0-1 è stata di pura caparbietà: l'attaccante ex Salvirola si è fiondato su un pallone apparentemente irraggiungibile e, approfittando di un'incertezza di Vanazzi, il quale ha colpevolmente ritardato l'uscita, ha siglato il vantaggio con un tocco di punta. Il gol del raddoppio, invece, una vera delizia: lungo lancio dalle retrovie domato con la colla, dribbling ubriacante a Vanazzi e palla appoggiata in rete.

Sotto di due reti e feriti nell'orgoglio, i padroni di casa hanno cominciato a macinare gioco e creare occasioni: prima Cappa ha incocciato la traversa con una frustata di testa, poi ha firmato la rete che ha riaperto le ostilità; magico, nella circostanza, l'assist di Viviani, liberatosi di un avversario con un colpo di suola da campione.

L'1-2 ha riacceso d'entusiasmo la torcida scannabuese: i ragazzi di mister Barbieri si sono riversati in massa in avanti: Viviani non è riuscito a controllare un pallone invitante verso la porta, ma è stato super nel proteggere palla in area di rigore, danzando sopra il pallone e servendo l'accorrente Piccolo: senza batter ciglio, il centrocampista biancoverde ha scaricato in rete un una botta terrificante, che ha garantito il pareggio.

 

 

 

Nella ripresa, la scarica di adrenalina si è affievolita, ma il match è rimasto comunque gradevole: Cappa ha sfiorato il tris in più circostanze, ma in generale le due squadre sono apparse accontentarsi, complice una fisiologica stanchezza.

Per la Scannabuese, il bicchiere è mezzo pieno: dopo un avvio da brivido, i biancoverdi hanno dimostrato di avere tanto carattere quanto potenziale; domenica, in quel di Chieve, la truppa di Irvin Barbieri dovrà affrontare un importante crocevia. Gli ingredienti per un'altra gara ad alto tasso emozionale non mancano di certo!

Per la Montodinese, invece, un piccolo passo avanti: I biancorossi hanno indubbiamente riscattato la prova incolore della settimana precedente, ma continuano a concedere troppo alle squadre avversarie; urge trovare correttivi al più presto, il campionato non aspetta!

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù