CREMA 1908. Nerobianchi lanciatissimi: vittoria a Merate e fuga solitaria

I cremini si impongono 1-3 nello scontro diretto, un vero partitone: super Zenga (due gol e assist) e il tris di Pagano esaltano i ragazzi di mister Porrini nella ripresa. Allungo in classifica sulle inseguitrici

Di Redazione | Lunedì, 06 Febbraio 2017 10:49

ECCELLENZA - Girone B

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA

BRIANZA CERNUSCO MERATE - CREMA 1908 1 - 3
5' Zenga (C), 13' Vaglio rig. (BCN), 55' Zenga rig. (C), 65' Pagano (C)

BRIANZA CERNUSCO MERATE: Cerini, Conte (Bortolotti), Pinto, Bonacina, Lozza, Zurloni, Vaglio, Abd Alla, Porta, Loew (Musella), Ahmend.
A disposizione: Maino, Quitadamo, N'Dri, Dell'Orto
Allenatore: Sergio Villa

CREMA 1908: Alvigini, Donida, Gibeni, Capelloni, Scietti, Tognassi, Pagano, Bressanelli, Zenga (67' Marrazzo), Gestra (78' Dell'Anna) Gomez.
A disposizione: Tazzi, Chagas, Donnarumma, Nardi
Allenatore: Sergio Porrini

Arbitro: Sig. Curtrufo di Catania
Assistenti di Linea: Sig. Lipari di Brescia e Sig. Benfatto di Milano
Ammoniti: Bonacina, Abd Alla (BCN), Capelloni, Tognassi (C)


Il Crema 1908 espugna Merate e la sua continua fuga solitaria verso la Serie D.

È dopo la ripresa che le grandi squadre mettono il turbo per provare a vincere i campionati e il team di mister Porrini non fa eccezione: la superiorità della rosa del Crema 1908 si sta traducendo anche in campo e in una classifica che parla chiaro. Anzi, chiarissimo.

Il Brianza Cernusco Merate, infatti, è protagonista di un'ottima prestazione, ma il Crema 1908 ancor di più: la doppietta di Jacopo Zenga e il tris di Nicolò Pagano permettono ai nerobianchi di archiviare la pratica brianzola.

I cremini comandano il torneo con un margine che, a questo punto della stagione, inizia a farsi interessante: +6 sulla CasateseRogoredo, +8 sul Villa d'Almè, +9 sul Brianza Cernusco Merate.
«Era uno scontro diretto. E come tale da vincere a tutti i costi. Abbiamo giocato su un campo molto pesante a causa della pioggia. Nel primo tempo abbiamo sofferto, ma nella seconda frazione di gioco siamo riusciti a mettere in mostra tutte le nostre qualità e abbiamo mostrato la nostra superiorità. Complimenti ai ragazzi: non era facile vincere contro la seconda in classifica, ma ce l’abbiamo fatta grazie al carattere e alla maturità del gruppo», dirà mister Sergio Porrini.
Ed è proprio vero: perché questi tre punti sono più che mai la testimonianza della forza di un gruppo coeso e compattato dal tecnico.
Il Crema 1908 conferma di non essere Marrazzo-dipendente: Carminator entra solo negli ultimi venti minuti, preservato per un fastidio muscolare accusato in settimana, ma la squadra vince e convince.

Contro la seconda forza del campionato non poteva certamente però essere una gara facile, per di più su un campo pesantissimo.
Ottimo approccio nerobianco, con il colpo di testa di Zenga che sembra spianare la strada ai cremini, ma gli ospiti prima mancano il raddoppio, poi subiscono il pareggio di Vaglio dal dischetto e accusano il colpo.
Inerzia rovesciata in favore dei locali, che in avvio di ripresa centrano la traversa ancora con Vaglio, ma sarà l'ultimo sussulto locale: il penalty trasformato da Zenga e il tris di Pagano chiudono i conti.

Entusiasta il man of the match, Jacopo Zenga, che brilla con due gol e un assist: «Una domenica molto positiva: sono felice per i due gol, l’assist a Pagano, ma sopratutto per i tre punti che ci consentono di continuare ad avanzare verso la meta. Ogni domenica scendiamo in campo per fare il nostro dovere e vincere. Dobbiamo continuare così».

 

 

LA CRONACA

Nerobianchi subito pericolosi sul campo brianzolo: già al 4’ ecco il primo squillo nerobianco con Gomez, che calcia da lontano e prova a sorprendere il numero uno locale, ma Cerini para.
La partenza sprint dei cremini, però, non tarda a essere capitalizzata in gol: passa un solo minuto ed arriva lo 0-1 cremino.
Un pallone crossato in area locale è preda di Zenga, che svetta con tempismo perfetto e più in alto di tutti per deviare in rete il vantaggio dei nerobianchi.

Sulle ali dell'entusiasmo, il Crema 1908 cerca di affondare il colpo: Capelloni ci prova per due volte consecutive, al 7' e al 10', ma le sue stoccate non trovano il gol.

I locali, però, non stanno certo a guardare e al primo vero affondo trovano la chance per il pareggio: un cross rasoterra in area nerobianca è deviato con il braccio da Donida, scivolato a terra; il suo intervento impedisce che il pallone arrivi a un attaccante brianzolo e il direttore di gara indica il dischetto.
Calcio di rigore per il Brianza Cernusco Merate: dagli undici metri si presenta bomber Vaglio, che conclude di potenza; Alvigini battezza l'angolo giusto, sfiora il pallone, ma la traiettoria schizza in alto e si insacca per l'1-1.

Dopo il gol subito, il Crema 1908 subisce l'iniziativa dei padroni di casa: i nerobianchi accusano il contraccolpo e intanto cresce il Merate, spinto dal pubblico di case, che su un campo in condizioni sempre peggiori esalta il clima gagliardo dei brianzoli.
Estemporanei i lampi nerobianchi (al 26' e al 37' con Gomez, servito rispettivamente da Zenga e Bressanelli), perché l'inerzia è ora in favore dei locali: al 43' splendida incursione di Vaglio sulla fascia destra; la palla crossata nell’area del Crema. La sfera attraversa pericolosamente tutta la porzione di campo davanti alla porta di Alvigini, ma nessun giocatore del Merate ne approfitta e il pallone oltre la linea laterale.

 

 

Si rientra negli spogliatoi sul parziale di 1-1, ma anche nella ripresa sono i padroni di casa a rendersi pericolosi: il Crema 1908 trema al 48', quando Vaglio punta la porta e sferra un siluro che si stampa sulla traversa di Alvigini.
Poco dopo, però, i nerobianchi mostrano i muscoli e risolvono il match in proprio favore.

Al 55' Zenga viene servito in area, si gira e viene messo giù: per l’arbitro è calcio di rigore ed è lo stesso numero 9 nerobianco a inacaricarsi dell'esecuzione.
Breve rincorsa, traiettoria tesa e rasoterra e la sfera si incunea nell’angolino basso alla destra di Cerini per l'1-2 cremino.

La reazione locale dura giusto il tempo perché il Crema 1908 sferri il colpo del ko: al 63’ protagonista ancora Zenga, che cavalca sulla fascia destra, innescato da un ottimo Donida. L’attaccante riesce a mettere al centro dell’area, dove la difesa brianzola non copre a dovere: arriva Pagano che scaraventa in rete da zero metri per l'1-3 nerobianco.

Il match è incanalato verso il successo e mister Porrini, poco prima del 70', richiama Zenga (acclamato da fragorosi applausi) e inserisce Marrazzo.
I locali ci provano ancora: reazione rabbiosa di chi non ci sta a perdere e si riversa nella metà campo del Crema.
Al 70’ Vaglio calcia il corner e serve Bonacina al centro dell’area: il numero 4 della squadra allenata da Villa stacca di testa e colpisce il pallone che scivola a lato della porta nerobianca.
Dopo l'innesto di Dell'Anna (fuori Gestra), all'80' cremini vicini al poker: punizione magistrale di Capelloni sulla sinistra, pallone e serve perfettamente Marrazzo, che si gira al volo e spara in porta; Cerini blocca con un miracolo.
Molto positivo l'apporto di Dell'Anna: all'81' è rapido e lucido Dell’Anna nella conclusione con potenza da fuori area, ma il pallone scivola a lato della porta di Cerini.

Le ultime fasi di gioco fanno registrare un assalto continuo, ma scomposto del Merate che, con grande generosità, tenta di accorciare.
Dopo il 4’ di recupero oltre il 90’ l’arbitro Cutrufo fischia la fine del match che conferma il primato in classifica dei nerobianchi che, domenica prossima, ospiteranno il MapelloBonate al "Voltini".

Tiramisù