CREMA 1908. Galacticos al "Voltini": poker al MapelloBonate

I nerobianchi fanno valere in campo una supremazia totale: match in archivio al termine di un primo tempo super, che conferma il primato cremino verso la Serie D. A segno Bressanelli, Marrazzo su rigore, Pagano e Zenga

Di Redazione | Lunedì, 13 Febbraio 2017 09:51

Foto Giordano per A.C. Crema 1908

ECCELLENZA - Girone B

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA

CREMA 1908 - MAPELLOBONATE 4 - 1
14' Bressanelli (C), 34' Marrazzo rig. (C), 46' Pagano (C), 62' Corti (M), 87' Zenga (C)

CREMA 1908: Alvigini, Donida, Gibeni, Capelloni (74' Pedrocca), Scietti, Tognassi, Pagano, Gomez, Marrazzo (72' Zenga), Gestra (83' Dell'Anna), Bressanelli.
A disposizione: Tazzi, Davini, Donnarumma, Nardi.
Allenatore: Sergio Porrini

MAPELLOBONATE: Gritti, Carneto, Corti, El Kadiri, Lodetti, Rota, Serafini, Tomas (78' Tripepi), Biccari (62' Villa), Zanotti, Comelli (90' Sciortino).
A disposizione: Azzola, Bettinelli, Verdero, Sangalli, Sciortino.
Allenatore: Alessandro Locatelli

Arbitro: Sig. Riccardo Fichera di Milano
Assistenti di Linea: Sig. Gabriele Puccia di Mantova e Sig. Michele Tomarchio di Milano
Ammoniti: El Kadiri, Serafini


Trionfo nerobianco nel giorno del ritorno al "Voltini": il Crema 1908 stende il MapelloBonate con un netto 4-1.
La partita dura solo una frazione: giusto il tempo in cui i nerobianchi si portano sul 3-0 ed esibiscano una superiorità totale rispetto agli avversari, che comunque meritano un plauso per i 7 Under schierati in campo (di cui 3 classe '99) e l'approccio positivo.

Vista la divisa bianca con cui il Crema 1908 stende i milanesi, non è distante il paragone dai Galacticos che hanno segnato un'epoca di supremazia del Real Madrid: i cremini devono temere solo se stessi. E nemmeno troppo, visto che stanno mostrando sul campo una continuità impressionante.

Alvigini si conferma portiere di talento presente e sicuro avvenire, la difesa con Donida, Scietti, Tognassi e Gibeni una garanzia totale, il centrocampo con il maestoso Capelloni e un Bressanelli tornato in versione top player, senza dimenticare un certo Pedrocca; in avanti velocità e qualità di Pagano, Gestra, Gomez, Dell'Anna, con un finalizzatore implacabile come Marrazzo e un attaccante dalle mille qualità come Zenga
Per pensare al valore di questa squadra, basti guardare a chi non è sceso in campo: Tazzi, Nardi, Davini e Donnarumma.
Ben più di una squadra di Eccellenza.

La classifica resta invariata in vetta e sempre meno le occasioni (e le giornate) a disposizione degli avversari per accorciare sulla corazzata della capolista, che sta trasformando in realtà il sogno chiamato Serie D: cremini saldamente in testa con 47 punti e un margine importante sulle inseguitrici; +6 sulla CasateseRogoredo, +8 sul Villa D'Almè e +9 sul Brianza Cernusco Merate.

 

 

Il punteggio resta in bilico solo per pochi minuti: gli ospiti scendono in campo con un piglio propositivo e gagliardo, ma dopo uno schema su punizione con Scietti che manca il gol al 10', è già al 14' che Bressanelli, ben posizionato in mezzo all'area, gira in rete un ottimo servizio di Donida, che recupera palla e mette un assist perfetto al compagno per l'1-0.
I ragazzi di mister Sergio Porrini non sbagliano niente e il raddoppio è naturale conseguenza di una solidità che vede le idee del MapelloBonate infrangersi: al 34' l'arbitro assegna ai locali un calcio di rigore per un fallo di mano su un cross di Tognassi e Marrazzo realizza il 2-0 dal dischetto, portando a 21 le sue reti in campionato.

Al 36' si mette in mostra Gibeni, con un buon tiro in porta parato da Gritti, mentre al 43' è Capelloni a concludere verso la porta avversaria, ma la sfera termina di poco alta sopra la traversa.
Il 3-0 arriva al 46' grazie a Pagano che mette in rete, sul filo del fuorigioco: tutti si aspettano che la rete venga annullata, perché si alza la bandierina del guardialinee, ma per l'arbitro invece è tutto regolare e la rete convalidata.
Ultimo atto di un primo tempo da 10 e lode del Crema 1908, che pare davvero inscalfibile.

 

 

I nerobianchi non si accontentano di un parziale che già basterebbe a garantire sicurezza e si rendono protagonisti di un avvio arrembante anche nel secondo tempo: al 52 ' Marrazzo si trova solo davanti al portiere, ma Gritti chiude benissimo lo specchio della porta e nega la doppietta al bomber; al 54' ancora Carminator protagonista, servito da Gomez per la conclusione, ancora parata di Gritti.
Al 62' blitz del MapelloBonate, che scalfisce la corazza nerobianca con una palla inattiva: sugli sviluppi di un piazzato dalla sinistra, Corti recupera il pallone in mezzo all'area e lo mette in rete per il 3-1.
Il gol ha l'effetto di restituire un po' di vitalità e fiducia al MapelloBonate, che riesce a costruire altre due occasioni: al 68' Alvigini si distende e devia con le dita della mano un tiro di Serafini; al 75' altro tiro in porta di Villa, ancora parato da Alvigini.

Nel finale il Crema 1908 torna quindi all'attacco per chiudere il match in bellezza: all'82' Pagano impensierisce Gritti con un bel tiro, mentre al 42' Zenga, entrano un quarto d'ora prima al posto di Marrazzo, mette a sedere il portiere avversario e sigla il definitivo 4-1 per il Crema.
C'è ancora tempo nel recupero per due occasioni sempre per i nerobianchi: una serie consecutiva di tiri al 91', continuamente respinti dalla difesa avversaria, e una conclusione di Bressanelli al 92', ancora parata.

Il risultato di 4-1 non cambierà più, così come le mille certezze fornite da questo match: il Crema 1908 porta a casa una vittoria netta e convincente davanti ai suoi tifosi.

 

Tiramisù