PRIMA. Spinese Oratorio: pari giusto con la Medigliese

Al rigore di Longaretti risponde Miodini su punizione a 7’ dalla fine. Prestazione positiva per i rossoverdiblù, che tagliano il traguardo dei 30 punti in campionato

Di Stefano Provenzi | Mercoledì, 01 Marzo 2017 14:14

PRIMA CATEGORIA - Girone I

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA


SPINESE ORATORIO - MEDIGLIESE 1 - 1

Longaretti rig. (S)


La Spinese sfiora la vittoria con la punta delle dita.

Dopo il vantaggio dal dischetto di Longaretti nel finale di primo tempo, i 3 punti per i ragazzi di mister Avanzi sembravano davvero a portata di mano. Miodini pietrifica però Miccoli a pochi minuti dal 90esimo e il risultato finale è un pareggio sostanzialmente giusto per la gara disputata da entrambe le formazioni. Nessun miracolo dunque in “Zona Cesarini”, come avvenne nel match d’andata, quando i cremaschi riuscirono a strappare un successo in extremis con la magia di Rovaglio.
Ma alla luce della prestazione complessiva e dell’assenza non secondaria a metà campo dell’intera diga PP, Pizzocchero-Piccichino, la Spinese non può disdegnare l’1-1 maturato con la Medigliese, che aggiunge un altro mattoncino alla scalata salvezza, ormai davvero vicina.


Le due squadre non si risparmiano fin dai primi minuti. Dell’Era sfiora il palo dopo appena 3’, Miccoli è miracoloso nel restate in piedi fino all’ultimo secondo e sventare una pericolosissima ripartenza ospite. Longaretti inizia ad aumentare di giri al 22’, dando solo l’illusione del goal con una bellissima conclusione carica d’effetto. Maraboli, avanzato a centrocampo questa domenica, conferma al 33’ la sua natura più da terzino che d’esterno offensivo, lasciandosi sbarrare la strada dal portiere ospite quando avrebbe avuto tutto il tempo per concludere in maniera vincente. Che occasione!

 

 

Serve allora un centravanti vero per sbloccare l’incontro e l’uomo della provvidenza spinese è ancora una volta Longaretti. L’attaccante rossoverdeblù si procura al 39’ un calcio di rigore, che lo stessa punta cremasca non sbaglia.
È questo il fotogramma con il quale si chiude la pellicola della prima frazione, una rete che, nell’asciuttezza delle chance da goal della ripresa, sembrava potesse essere quella decisiva.

Longaretti manda alto con un tiro da fuori area, mentre ancora Miccoli per i suoi risolve una mischia confusa davanti alla sua porta. La Medigliese è brava nel crederci fino alla fine e all’83’ è premiata dalla punizione del pari. Altra palla sanguinosa persa dalla Spinese, che dà il via al contropiede ospite, frenato solo da un fallo rovinoso al limite dell’area: Miodini si incarica della battuta e traccia una parabola perfetta, che lascia di sasso Miccoli.

Si chiude in questo modo una gara che accontenta in fin dei conti entrambe le squadre, posizionate senza particolari pensieri a metà classifica: la Spinese taglia il traguardo dei 30 punti, la Medigliese segue a 29.

I sorrisi in casa rossoverdeblù giungono anche dalla panchina: si è rivisto tra i convocati Corini, di ritorno dal grave infortunio alla spalla, mentre ha avuto spazio nel finale Bottoni, che sembra aver risolto i suoi guai muscolari delle scorse settimane. Allarme rientrato per Lorenzetti: uscito nel finale di partita, la causa del cambio era semplicemente dovuta ai crampi. Bene così.

Tiramisù