ECCELLENZA. Crema 1908 riacciuffato allo scadere: 2-2 col Luciano Manara

Sul sintetico di Barzanò, tutti i gol nella ripresa: nerobianchi avanti due volte, ma il gol di Pagano (entra e segna) è recuperato da un penalty, quello di Marrazzo è vanificato al 92' dalla perla di Bonalume

Di Redazione | Lunedì, 06 Marzo 2017 08:55

ECCELLENZA - Girone B

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA


LUCIANO MANARA - CREMA 1908 2 - 2

60' Pagano (C), 65' Intrieri rig. (L), 80' Marrazzo (C), 92' Bonalume (L)


LUCIANO MANARA
: Porro, Montrasio (72' Bonalume), Gnaziri, Bala, Pennati, Mauri A., Donghi, Fontana, Intrieri, Mauri M. (40' Cazzaniga), Colombo (68' Ravasi)
A disposizione: Valsecchi, Pozzoli, Ghezzi, Ta Bi.
Allenatore: Roberto Arrigoni

CREMA 1908: Alvigini, Donida, Gibeni, Capelloni (55' Dell'Anna), Scietti, Tognassi, Gomez, Bressanelli, Marrazzo (82' Pedrocca), Gestra, Zenga (55' Pagano)
A disposizione: Tazzi, Davini, Donnarumma, Chagas
Allenatore: Sergio Porrini

Arbitro: Sig. Mirko Matera di Bergamo
Assistenti: Sig. Francesco Marrazzo di Bergamo e Sig. Emanuele Barcella di Bergamo.
Ammoniti: Scietti, Bressanelli


«Lasciando perdere l'arbitraggio scandaloso, quel che per me conta è che abbiamo fatto troppi errori. Due gol su palle inattive e tante occasioni per chiudere la partita non sfruttate. Così non va».
Basterebbero le parole di un furente mister Sergio Porrini al termine del match per capire quanto sia bruciato il pareggio con il Luciano Manara, che ha visto i lecchesi riacciuffare il pareggio del 2-2 sul sintetico di Barzanò proprio al 92'.
«Una squadra che vuole vincere il campionato deve chiudere le partite e deve avere un alto tasso di concretezza. Dovremo molto riflettere su quanto accaduto oggi in campo, e cambiare atteggiamento», chiosa il tecnico nerobianco.

 

 

Il punto rimediato col Luciano Manara, infatti, ha un sapore amarissimo, quasi come una sconfitta.
Complici gli altri risultati, in casa nerobianca è certamente maggiore il rimpianto per non aver allungato di 3 punti, ma solo di 1, sulla CasateseRogoredo, ieri sconfitta tra le mura amiche dall'AlbinoGandino.
A conti fatti, però, il fatto di aver aumentato il margine di vantaggio sulla prima inseguitrice è un dato estremamente confortante.
Anche in una domenica beffarda, anche dopo un match che i nerobianchi avrebbero dovuto chiudere prima, anche in una gara decisa da una prodezza stellare in pieno recupero,
il Crema 1908 riesce ad allungare in classifica.

E anche questo è un piccolo grande segnale che potrebbe essere la stagione del Crema 1908.

Certo, è tanta la rabbia maturata non solo per il risultato finale, ma anche e soprattutto per come è arrivato: il Crema 1908 gioca bene sin dall'inizio col Luciano Manara, chiudendo però la prima frazione sullo 0-0.
Nella ripresa cremini avanti per due volte, ma entrambi i vantaggi sono vanificati dalle reti locali: prima per un contestatissimo calcio di rigore decisamente e allo scadere per l'eurogol di Bonalume, che firma il 2-2 in pieno recupero.
E sono state le uniche due occasioni del Luciano Manara in tutta la partita.

 

 

LA PARTITA

Il primo tempo è tutto di marca nerobianca, con costante possesso palla e continue azioni di attacco: le occasioni migliori le hanno avute prima Zenga al 19', che ha incornato di testa un perfetto cross di Donida, ma la palla si è fermata sul palo; e poi Marrazzo al 29', con una palla che sembrava ormai entrata in porta, ma che all'ultimo istante è stata salvata sulla linea da un difensore del Luciano Manara.
Altra occasione per Marrazzo allo scadere, ma Porro è pronto a respingere: la prima frazione si chiude a reti bianche.

Le cose non cambiano nel secondo tempo, col Crema 1908 sempre in attacco, ma il vero scossone alla partita lo dà mister Porrini con due cambi al 10': Pagano per Zenga, e Dell'Anna per Capelloni. I cambi portano nuova linfa all'attacco cremino e si riveleranno decisivi rispettivamente con un gol e un assist.

È proprio Pagano al 15' riesce a chiudere a rete un perfetto assist di Marrazzo: entra e segna Paga-gol e porta i nerobianchi finalmente in vantaggio.
La gioia dello 0-1 dura però soli pochi minuti: su un calcio di punizione del Luciano Manara, l'arbitro sanziona un fallo di Scietti in area e decreta il calcio di rigore per i locali. Vane le proteste dei cremini: la decisione del direttore non cambia e dagli undici metri Intrieri realizza l'1-1.

Il Crema 1908 però non ci sta al pareggio e torna ad attaccare: immediata e veemente la reazione nerobianca, che si rivelerà presto efficace. Al 35' è Marrazzo che mette a segno il nuovo vantaggio del cremino, trasformando un perfetto suggerimento di Dell'Anna. Un minuto dopo, miracolo di Porro che riesce a respingere in tuffo un tiro dalla breve di distanza di Pagano: sarebbe stato il tris che avrebbe chiuso il match.

Allo scadere, la beffa per i cremini: Bonalume trova il gol della domenica (e forse della vita) con un tiro al volo dal limite dell'area, una perla di rara bellezza, al 92', in pieno recupero, davvero imprendibile per Alvigini.
Giù il cappello di fronte a questa prodezza!

Trenta secondi dopo, il triplice fischio dell'arbitro, che decreta il definitivo 2-2: Crema 1908 acciuffato in extremis e con rimpianti per non aver chiuso il match, ma sempre davanti a tutti e in grado addirittura di allungare.

 

Tiramisù