VIDEOTON. Il Mantova vince meritatamente: rossoblù ko 2-4! Stasera sfida verità in Coppa - HIGHLIGHTS & FOTOGALLERY

Dopo la seconda sconfitta in campionato è già tempo di pensare all'impegno sul campo del Real Casalgrandese: stasera ci si gioca l'accesso alle Final Four

Di Fabio Faciocchi | Lunedì, 06 Marzo 2017 10:06

COPPA ITALIA - SERIE C1 - FASE NAZIONALE

QUARTI DI FINALE - GARA DI RITORNO

REAL CASALGRANDESE - VIDEOTON CREMA

Ore 20.30 - Lunedì 6 marzo 2017


Sfida verità per il Videoton, questa sera: i cremaschi, dopo l'esaltante successo per 7-6 dell'andata, si giocheranno in Emilia-Romagna l'accesso alle Final Four della competizione.
I rossoblù dovranno fare i conti con lo straripante Antonietti e tre significativi rientri tra le fila della formazione locale, ma il Videoton è assolutamente determinato a provare a compiere l'impresa, affinché il sogno non si fermi proprio ora.
Sarà un match esaltante!

I rossoblù di mister Uccheddu sono reduci dalla seconda sconfitta in campionato, subita per mano del Mantova: i biancorossi si sono confermati indigesti ai cremaschi, già ko in terra mantovana nel ritorno di Coppa, seppur a qualificazione acquisita.
Cremaschi insolitamente sottotono e sottoritmo: chiuso in svantaggio per 0-1 il primo tempo, con una rete nata da una punizione, gli ospiti raddoppiano in avvio di ripresa con un calcio di punizione stavolta diretto in porta.
Il Videoton accorcia solo con un'autorete, ma l'1-2 accende i cremaschi: la scintilla rossoblù, però, è sedata dall'1-3 e dall'1-4 del Mantova.
A nulla valgono il tiro libero di Porceddu e i tentativi finali, se non ad accorciare sul 2-4: ko giusto, con il Mantova che mette in campo più determinazione e voglia di vincere, espugnando la "Toffetti".

In una settimana così decisiva, però, è vietato abbassare la guardia.
Il Cardano 91 è stato fermato sul pareggio da Vanzago: il vantaggio dei cremaschi sulla 2^ posizione è ridotto solo di una lunghezza e il margine di +13 con sole 5 gare da giocare vale tantissimo.
Venerdì si giocherà proprio lo scontro diretto sul campo del Cardano, ma la testa è tutta a stasera.

Avanti tutta, Vidi!

 

 


SERIE C1 CALCIO A CINQUE - Girone A

Venerdì 3 marzo 2017 - 21^ Giornata di Campionato

VIDEOTON CREMA - MANTOVA 2 - 4
autogol, Porceddu


LA CRONACA

Bloccatissimo il primo tempo alla "Toffetti": nel big match di giornata le squadre si temono reciprocamente e preferiscono giocare di rimessa.
Per oltre dieci minuti non si registrano nitidissime occasioni da rete, fatto abbastanza insolito per gli attacchi atomici di Videoton e Mantova.
I padroni di casa si fanno leggermente preferire in avvio, pericolosi con uno spunto di Maietti (diagonale velenoso) e una chance di Porceddu.
Sempre tonico e gagliardo Longari, sia in fase di pressing, sia in fase di attacco: da un suo taglio nasce una grande opportunità, sfumata grazie all'uscita del portiere ospite con i piedi fino al limite dell'area e al successivo recupero della difesa.

Il Mantova cresce con il passare dei minuti e resta sempre lì, sornione, pronto ad approfittare di eventuali errori rossoblù: da una palla persa centralmente dal Videoton nasce una ghiotta chance per gli ospiti, poi sventata da Mastrangelo.
Il portiere classe '95 brilla tra i migliori in campo nella fase centrale del primo tempo: interventi di istinto, di tecnica e di esplosività per il giovane portiere rossoblù, che respinge i tentativi del Mantova.
Longari e Vanelli portano un gran contributo alla manovra rossoblù, che con loro aumenta il forcing nel finale di frazione: miracolo sulla puntata di Porceddu del portiere ospite, reattivo anche a chiudere sul tap-in di Tosetti.

In una gara così equilibrata, il punteggio si sblocca solo grazie a un episodio: punizione per il Mantova, da posizione defilata e proteste rossoblù.
I giocatori ospiti sono molto lesti e scaltri nell'approfittare di questa distrazione dei cremaschi: palla filtrante per la boa ospite, che salta Mastrangelo con un pregevole controllo di suola e insacca a porta spalancata dopo l'uno-contro-uno.
Scoppiano le proteste Videoton, cercando di far annullare il gol per una presunta richiesta di distanza sulla punizione da parte dei giocatori ospiti: consultazione tra i due arbitri, ma rete giustamente convalidata per lo 0-1 con cui si chiude la frazione.

Prima dell'intervallo una buona chance rossoblù e il tentativo di eurogol dalla distanza di Maietti, che prova a sorprendere il portiere ospite fuori dai pali.
C'è tempo anche per un paio di altre parate di Mastrangelo, ma si rientra negli spogliatoi sullo 0-1 Mantova.

 

 

La gara sottoritmo prosegue anche in avvio di ripresa: pare lenta, rispetto agli soliti standard, la circolazione del Videoton, che non riesce ad accendere la scintilla.
Ed ecco, che, puntuale, arriva un'altra beffa: calcio di punizione, Mastrangelo è coperto e la palla si insacca per lo 0-2.
Mancano però ancora quindici minuti al termine e c'è tutto il tempo per una rimonta cremasca.

La circolazione dei rossoblù, anche sotto di due reti, però non decolla.
I cremaschi trovano il gol sugli sviluppi di una palla inattiva: da posizione defilata sulla destra, Porceddu mette al centro un pallone basso per Maietti.
Il Cobra ci mette la zampa, ma è anticipato dal difensore ospite, che devia il pallone nella propria porta.
Palla in rete e 1-2 che risveglia il pubblico della "Toffetti"!

La partita si accende e il Videoton ci prova con più convinzione, ma non con più idee: arrivano diverse stoccate da fuori e attacchi "a testa bassa", ma poche occasioni nitide.
I cremaschi ci provano ancora da fuori, ma rischiano tantissimo: Mastrangelo si supera su una ripartenza mantovana, prima, mentre il palo salva poi i cremaschi dal tris.
I ritmi finalmente si alzano e sul ribaltamento di fronte, dopo l'azione del palo, Maietti evita il portiere in uscita, lanciatissimo verso il gol, ma da posizione defilata non riesce a centrale la porzione di specchio (sguarnito) a propria disposizione. Grande occasione, ma non era affatto facile a quella velocità.

Il cronometro scorre: mancano meno di dieci minuti al termine, ma è il Mantova ad essere più tonico e reattivo.
L'1-3 che arriva con un diagonale dentro l'area cremasca è tutt'altro che immeritato.

Il Videoton sogna e cerca la rimonta, come accadde in quel di Mantova, ma l'inerzia è tutta in favore dei mantovani.
Mister Uccheddu prova a spezzarla con un time-out a 8 minuti al termine, ma il Mantova cala il poker in faccia ai cremaschi.
I cremaschi provano l'impresa, memori di quanto accaduto in terra mantovana all'andata: gli ospiti hanno già raggiunto il bonus dei cinque falli e mister Uccheddu si gioca il portiere di movimento, con Lopez a indossare la casacca forata e alzare il forcing.
Il 6° fallo del Mantova non tarda ad arrivare: lo subisce Porceddu, che trasforma con freddezza, nonostante gli ospiti avessero cambiato il portiere per aumentare le percentuali di neutralizzazione del tiro.

Subito dopo il 2-4 serve un miracolo di Mastrangelo per tenere ancora in gara i cremaschi negli ultimi tre minuti: vibranti proteste rossoblù per un fallo non sanzionato, che sarebbe valso un altro libero e avrebbe lasciato tempo a un minuto di fuoco. Il match scorre invece verso il suo termine senza grandi sussulti: il Mantova vince meritatamente 2-4.

 

Video

Tiramisù