PROMOZIONE. Cremasche in corsa: pari Luisiana, vittoria Sore, ko Romanengo

I nerazzurri sono fermati sul 2-2 dal Sant'Angelo e cedono la vetta all'Offanenghese. La punizione di Cadenazzi fa felice la Sore, mentre il Romanengo cade 1-4 e protesta con l'arbitro

Di Redazione | Martedì, 21 Marzo 2017 15:49

PROMOZIONE - Girone E

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA


SANT'ANGELO - LUISIANA 2 - 2 
 (Pedretti, Pietra)

SORESINESE - BASIANO MASATE 1 - 0   (Cadenazzi)

ROMANENGO - REAL ACADEMY 1 - 4   (Mizzotti)


Campionato incandescente quello di Promozione: cremasche protagoniste nella lotta per il titolo, per i playoff e per la salvezza.

Nella rincorsa all'Eccellenza, la Luisiana adbica dalla vetta, fermata sul 2-2 dal Sant'Angelo al "Chiesa": l'Offanenghese scappa a +2, ma i pandinesi guadagnano comunque un punto sul Tribiano, sconfitto domenica.

In territorio rossonero, nerazzurri due volte avanti e due volte recuperati: dopo il tap-in vincente di Pedretti sul tiro di Abbà, la zampata di Bejenaru sul tiro del cremasco Bottini vale l'1-1.
Prima dell'intervallo Pietra porta la Luisiana sul 2-1, capitalizzando il cross di Abbà, ma il mancino di Zingari ristabilisce la parità sul 2-2 con una conclusione direttamente dalla bandierina: inspired by Dognini?
La Luisiana, dopo aver precedentemente mancato le occasioni per chiudere il match, rischia anche il ko, ma Campana salva la porta sull'esecuzione di Bracchi.
Finisce 2-2 e la Luisiana vede.

Chi prova ad approfittare dei rallentamenti là davanti è la Soresinese, che continua a inseguire la possibilità dell'impresa playoff.

I rossoblù di mister Ferla dominano l'incontro con il Basiano Masate, ma sprecano l'inverosimile, trovando il gol-partita nel finale.
Santos si conferma in un ottimo momento di condizione, ma delle quattro nitidissime occasioni da rete costruite non riesce a capitalizzarne nemmeno una.
Anche la sfortuna sembra segnare la gara della Sore: dopo pochi minuti, due pali colpiti nella stessa azione da Diego Piacentini e Marco Gallarini.
Il match si risolve però nel finale: altra punizione vincente di Cadenazzi, che regala una vittoria pesantissima
I rossoblù, infatti, piombano a -4 dal 4° posto: missione playoff possibile!


Il Romanengo cade invece 1-4 tra le mura amiche al cospetto del Real Academy: pesante ko in uno scontro diretto per la salvezza, che ridà speranze agli avversari e vede ora più incerta la posizione del Romanengo, al sestultimo posto, ma solo a +1 sul playout.

Eppure il primo tempo si era chiuso con un combattuto 0-0: occasioni locali con Prandi e Mizzotti, chances ospiti fermate da Polesel.
In avvio di ripresa botta-e-risposta: vantaggio del Real Academy con la punizione di Mbaye e immediato pareggio giallorosso di Mizzotti, dopo la triangolazione con Prandi.
La gara si accende, però, e la terna arbitrale fa imbufalire il Romanengo in due soli minuti: prima l'espulsione diretta comminata a Vaccari per un tackle frontale, poi un penalty assegnato agli ospiti, con i locali che invece invocano il fallo sul giocatore giallorosso Simonetti.
L'1-2 ospite dagli undici metri e la superiorità numerica ospite segnano in maniera inevitabile il match: il Real Academy chiude i conti con l'1-3 al 60' e l'1-4 nel finale.
Nulla di compromesso per il Romanengo, che però passa da un potenziale allungo decisivo verso la salvezza a ritorno di un'avversaria pericolosa.

Tiramisù