CALCIO CREMA CAMPIONE! La stagione dei record in Terza

La corazzata del presidente Ennio Valdameri, guidata da mister Bettinelli e capitan Cussi Bonizzoni: il lieto... Inizio di un progetto vincente dopo anni difficili

Di Fabio Faciocchi | Lunedì, 03 Aprile 2017 13:56

*** CALCIO CREMA CAMPIONE IN TERZA CATEGORIA ***

NEROBIANCHI PROMOSSI IN SECONDA CATEGORIA

Foto a cura di Davide Bonometti - CLICCA QUI per LA FOTOGALLERY COMPLETA


È la stagione dei record, non ci sono dubbi.

Sciorinare numeri è solitamente un esercizio statistico fine a se stesso, ma non in questo caso, quantomai eloquente di una superiorità totale.

Calcio Crema imbattuto in 25 gare di campionato in Terza Categoria, con 20 vittorie e 5 pareggi.
Miglior attacco del torneo, con 66 reti realizzate, e miglior difesa, con soli 17 gol subiti.
Il capocannoniere del torneo Simone Ricetti (22 gol) compone con capitan Marco Bonizzoni (15 gol) e Michele Somenzi (10 gol) il tridente più esplosivo del Cremasco.
Titolo conquistato con 4 giornate di anticipo e 15 punti di vantaggio sulla 2^ classificata.
Serve altro?

Sarà pure Terza Categoria, ma questo è calcio vero.
Questo è Calcio Crema.

Già alla vigilia del campionato "scommesse chiuse" su chi avrebbe conquistato il primo posto in Terza Categoria: le speranze di scalfire il gigante Golia le ha avute per lunghi tratti della stagione la sola Pianenghese di mister Verdelli.
Certamente non un semplice Davide per le grandi qualità del lavoro svolto e dei principali interpreti, ma senza dubbio con una rosa non così profonda come quella del Calcio Crema.

Nel team allenato da mister Bettinelli ci sono infatti più di venti titolari, tra cui almeno una dozzina con esperienze in due categorie superiori, in cui militavano fino a poco tempo fa.

La rivoluzione ha visto arrivare al Calcio Crema tre portieri validissimi come Benelli, Moretti e Orini; Barbaglio, De Capitani, Gruppi, Cappelletti, Mozzi colonne d'Ercole là dietro; Marco Bonizzi, Brugna, Marco e Paolo Bonizzoni in mezzo al campo, Stefano Bonizzi, Stabilini, Tensini sulle corsie, Somenzi, Bussi, Ricetti in avanti con Nava; senza dimenticare i vari Tosoni, Bettinelli e Padovani, unico reduce della scorsa stagione.

"E che ci vengono a fare in Terza? Ti piace vincere facile...".
Il fatto è che vincere, facile, non lo è proprio mai.

 

 

Il nuovo cammino del Calcio Crema è solo all'inizio e la vittoria del campionato di Terza Categoria rappresenta il primo tassello di una nuova realtà in crescita del nostro calcio.
Il blocco che ha fatto le fortune del Castelnuovo, arrivato ai confini della Prima Categoria, si è ritrovato in nerobianco con la stessa voglia di imparare e di crescere che possono esser soddisfatte da un vero esperto insegnante come mister Marco Bettinelli, demiurgo di questo progetto.

Un anno di transizione, non ci sono dubbi, ma quanto mai formativo, in cui il ruolo della squadra invisibile, guidata da Matteo Gariboldi assume un significato ancor più importante: la compattezza del gruppo, l'affidabilità e l'affiatamento nascono grazie a persone come lui, trait d'union che unisce tutti i puntini del mosaico.

Allenarsi ogni settimana oltre il 100%, con sedute anche di più di due ore; lavorare sui dettagli, spostamenti di un metro o due, significa pensare già di allenarsi come quelli di categorie più in alto.
Attenzione: raramente questa è una scelta vincente.
Credo fermamente che ogni categoria debba esser vissuta e giocata secondo i propri canoni.
Per intenderci: "Fare i professionisti" nei dilettanti non ti aiuta a diventarlo prima. Anzi, si rischiano solo magre figure.

Il sentiero tracciato dal Calcio Crema si è rivelato vincente perché fatto con ottica propedeutica a qualcosa che verrà.

 

 

Scendere in campo ogni domenica con "l'obbligo" di vincere, trovandosi di fronte ogni squadra dalle motivazioni stellari per provare a sgambettare la corazzata cremina.
Emblematico è che nessuno (nessuno) ci sia riuscito.
Anche nella domenica più storta, nelle condizioni più difficili, di fronte agli avversari più agguerriti, il Calcio Crema non ha mai perso.
Qualcosa vorrà dire.

E probabilmente significa mentalità vincente.
Quella mentalità che è ancora più importante degli sponsor che ti danno le risorse per dar concretezza alle tue idee.

Quella mentalità tipica di chi viaggia in direzione ostinata e contraria, proprio come il presidente del Calcio Crema.
Nell'epoca delle mancate fusioni e della nascita di un nuovo corso cremino, Ennio Valdameri decise di proseguire per la propria strada, in nome della vera continuità dal 1908.
Certo, non una continuità federale (interrotta con una stagione di CSI), ma è l'F.B.C. Calcio Crema di Ennio Valdameri la società naturale discendente di quella che vide per prima nascere il calcio nella nostra città.

Un gran rifiuto, ancora indigesto a molti, che lo ha visto intraprendere un viaggio per certi versi cocciuto, per qualcuno magari anche capriccioso, ma di sicuro non facile.
In tutti questi anni, Ennio Valdameri è sempre rimasto lì, nell'umile Terza Categoria, mentre un'altra cordata decideva di sposare i colori e il concetto di storicità dell'F.B.C., su un altro percorso.

 

 

Anni non facili, in cui il Calcio Crema chiudeva regolarmente il campionato all'ultimo posto.
Anni in cui ogni agosto sembrava esserci quella speranza prontamente disattesa dopo un mese di campionato.
Walzer di allenatori, blocchi di giocatori che lasciano a metà stagione, delusioni in serie.
Poche le certezze in questo via vai di persone al "Dossena": tra queste la figura straordinaria di Giancarlo Serina, che dopo anni al fianco di Ennio e della Società, ci ha salutati per gioire con i cremini da una vista speciale da lassù.

La storia del Calcio Crema è passata da queste difficoltà per trovare la svolta buona questa estate.
Ed ecco così che lo spesso bistrattato Valdameri ora ride sereno, consapevole di aver bagnato il naso a tutti, ma con il consueto aplombe che lo vedrà gioire nei ranghi e senza eccessi.

È proprio questo il segreto del Calcio Crema: dare sempre il meglio di sé e crederci, crederci sempre.

Il Calcio Crema è tornato.

E, concedetemelo, ha sempre il logo più bello del territorio: chi può fregiarsi di giocare avendo il Torrazzo e il Duomo della propria città sul cuore?

 

 

F.C.B. CALCIO CREMA

Stagione 2016/2017

NEROBIANCHI CAMPIONI IN TERZA CATEGORIA

IL DIRETTIVO
Presidente: Ennio Valdameri
Direttore Sportivo: Fortunato Weger
Amministrazione: Maurizio Serina

LA ROSA
Fausto Barbaglio, Stefano Benelli, Andrea Bettinelli, Marco Bonizzi, Stefano Bonizzi, Marco Bonizzoni, Paolo Bonizzoni, Omar Brugna, Giuseppe Bussi, Andrea Cappelletti, Andrea De Capitani, Niccolò Gruppi, Lorenzo Inzoli, Alessandro Moretti, Michele Mozzi, Aaron Nava, Michele Orini, Gabriele Padovani, Filippo Paiardi, Simone Ricetti, Michele Somenzi, Alex Stabilini, Martin Tensini, Antonio Tosoni.

LO STAFF
Allenatore: Marco Bettinelli
Dirigente Accompagnatore: Matteo Gariboldi
Guardalinee di Società: Bledar Tare
Allenatore dei Portieri: Fabio Bianchessi

 

Tiramisù