GIOVANISSIMI REGIONALI FASCIA B. Focus su Pergolettese e OltrepoVoghera

Il match tra i ragazzi di mister Miatto e i pavesi diventa il momento ideale per conoscere e approfondire il momento e le caratteristiche delle squadre: ecco un interessante zoom

Di Redazione | Sabato, 08 Aprile 2017 09:36

A cura di Massimo Silvani

 

GIOVANISSIMI REGIONALI FASCIA B: PERGOLETTESE vs OLTREPOVOGHERA

Ospite della Pergolettese nella gara valida per la 12esima giornata del Campionato Regionale Fascia B, categoria Giovanissimi, è la formazione dell’OltrepoVoghera, società nata nel 2013 e che rappresenta il territorio dell’OltrepoPavese che corre sull’asse delle città di Stradella e Voghera.

La Pergolettese ha finora totalizzato 6 punti frutto di due vittorie, una delle quali prestigiosissima contro la capolista Alcione, risultato che ha portato grande entusiasmo ai ragazzi che dopo un girone autunnale concluso in testa alla classifica, hanno dovuto faticare parecchio in questo nuovo girone sia a causa del maggiore tasso tecnico delle avversarie, sia al fatto che spesso i ragazzi si trovano di fronte avversari di annata superiore, avendo in rosa, come accennato dal mister, molti ragazzi classe 2004, che soffrono la minore età soprattutto a livello fisico.

 

 

 

OLTREPOVOGHERA: QUALITA E COMPETENZA AL SERVIZIO DEI RAGAZZI

 

“L’Oltrepo Voghera è senza dubbio la società principe del nostro territorio pavese”, afferma orgoglioso mister Riccardo Brignoli, che prosegue descrivendo le linee guida della società: “La scelta dei formatori e degli allenatori è orientata alla selezione di personale qualificato, con laurea in scienze motorie e patentino di allenatore FIGC”.
Un solo allenatore non possiede la laurea di scienze motorie, ma si tratta di un eccezione illustre: “Si tratta di Claudio Lombardo, ex giocatore professionista e vogherese doc”, Lombardo ha vestito le maglie di Cosenza, Salernitana, Perugia e Lucchese in Serie B ed una presenza in Serie A con la maglia dell’Inter, squadra in cui ha militato nel settore giovanile. "Claudio ha regolare patentino FIGC ed anche se non ha il requisito della laurea come richiesto agli altri allenatori, penso che la sua esperienza e conoscenza del gioco del calcio possano dare un importante valore aggiunto alla società ed ai ragazzi che allena, i Giovanissimi Regionali Fascia A”.

La metodologia di mister Brignoli si basa sull’allenamento in situazione: “Amo lavorare con il pallone e porre i ragazzi davanti a diverse situazioni che affrontano poi in partita, fondamentale la tattica individuale che stimolo con esercitazioni 1vs1 e 3vs3”, la tattica collettiva passa invece attraverso la spiegazione dei principi di gioco, provando diversi modelli di gioco: ”Come modulo di partenza ho scelto il 4-3-3 per dare ai ragazzi più riferimenti possibile e per dare una verticalità al gioco, il modulo è camaleontico in quanto può trasformarsi in un 4-2-3-1, alzando il vertice dl triangolo di centrocampo, a seconda delle caratteristiche dei giocatori a disposizione, comunque la finalità del mio lavoro è quella di fornire ai ragazzi più esperienze situazionali possibili in modo che riescano ad effettuare corrette letture di gioco in partita”.

Per concludere il mister spiega come tenga al fatto che i ragazzi sperimentino ogni variabile che potranno incontrare nel prosieguo della carriera:” illustro ai ragazzi ogni componente del gioco del calcio, oltre ai già citati giochi situazionali, ci alleniamo a gestire le palle inattive sia difendendo a uomo che a zona, voglio che i ragazzi abbiano un’infarinatura a 360° di ciò che potrebbe essergli chiesto in futuro, in modo da non farsi trovare mai impreparati”.

 

 

LA CRONACA

PERGOLETTESE - OLTREPOVOGHERA 0 - 1 
Creazzo (OPV)

PERGOLETTESE: Montagnari, Sangalli, Denti Niccolò, Cattaneo, Facchi, Gochesano, Scorsetti, Perotti, Parati, Severgnini, Confuorto.
Subentrati: Bissa, Denti Michael, Della Giovanna, Carra, Schiavini, Sangiovanni, Mirandi.
Allenatore: Miatto Diego

OLTREPOVOGHERA: Baschiazzorre, Stan, Alberti, Abbà, Repetto, Manuelli, Creazzo, Torrielli, Alberti, Giovanetti, Andrini.
Subentrati: Ghidotti, Lorenzon, Casagrande, Persano.
Allenatore: Riccardo Brignoli

 

 

Al 4-2-3-1, caro a mister Brignoli, Miatto oppone un 3 -4-2-1 ben messo in campo, per stessa ammissione del mister avversario, che ritrova il mister cremasco sul campo dopo aver condiviso, da compagni di banco, le lezioni utili al conseguimento del patentino UEFA B.

La partita è equilibrata, nella prima frazione di gioco, le squadre si fronteggiano a buoni ritmi ma rimpallandosi a vicenda, le occasioni migliori nascono soprattutto da ripartenze veloci, il primo a scaldare i guantoni è il numero uno locale che chiude la porta ad una bella iniziativa di Giovanetti, che si libera bene sulla sinistra e conclude in diagonale sul primo palo, attentissimo Montagnari che mette a lato. Risponde il Pergo soprattutto con buone iniziative dalle fasce, sulla sinistra le ottime qualità tecniche di Denti Niccolo, abbinate ad un grande sacrificio in fase difensiva, spiccano due diagonali difensive che scongiurano il vantaggio ospite, mettono in azione la corsa di Perotti, centrocampista offensivo dal gran fisico e buone doti tecniche che spesso però si specchia nella sua bravura non riuscendo a concretizzare interessanti azioni di gioco.

In mezzo al campo l’ordine e la disciplina tattica di capitan Gochesano, si scontrano con la grande qualità di Torrielli, mediano vogherese con fisico minuto, ma classe da vendere, le sue giocate non sono mai banali ed i tempi di gioco che detta sono degni "del miglior Iniesta" (citazione di Mister Gian Mario Cattaneo, ndr), l’Oltrepo Voghera riesce così ad imporre, con l’avanzare del match, la propria supremazia in campo, coronata dal gol del vantaggio realizzato da Creazzo sul finire della prima frazione.

 

 

La ripresa mostra una maggiore iniziativa da parte degli ospiti, la Pergolettese fatica a ripartire e ringrazia in un paio di occasioni il proprio estremo difensore che si oppone alle pericolose conclusioni vogheresi e , dove non arriva Montagnari, ci pensa Facchi, difensore dal gran fisico ed ottimo senso della posizione, ad opporsi come ultimo baluardo alla conclusione a botta sicura di una attaccante in maglia rossa. La più famosa legge del calcio che recita “Gol sbagliato, gol subito” sembra potersi materializzare anche al "Bertolotti”, quando Parati, smarcato a centro area da un preciso passaggio dalla sinistra, calcia sul secondo palo, ma la mira non è precisa e strozza così l’urlo in gola alle tifosissime mamme gialloblu in tribuna.

Il finale regala la girandola dei cambi, che fa comunque apprezzare la bontà di tutti gli elementi della rosa da ambo le parti, ma non ci sono più sussulti, l’OltrepoVoghera si aggiudica l’intera posta in palio grazie ad una gara ben giocata, al Pergo resta l’onore delle armi per essersi battuta con coraggio ed i complimenti di mister Brignoli” Abbiamo affrontato una squadra ben allenata e messa in campo ordinatamente, non è stato facile imporre il nostro gioco, mi ha colpito molto la capacità degli attaccanti avversari nel tagliare alle spalle dei nostri difensori, questi movimenti ci hanno messo in difficoltà ma siamo riusciti a reagire bene, il risultato per me non è importante ma per i ragazzi si e darà loro nuovo slancio dopo un periodo difficile in cui abbiamo raccolto pochi punti”.

Anche mister Miatto, nonostante la sconfitta, analizza sereno la gara: "Abbiamo subito in alcune situazioni, come capita spesso in questo girone, le doti fisiche ed atletiche degli avversari, maggiormente sviluppate anche grazie alla maggiore annata dei giocatori che incontriamo, rispetto a molti dei nostri interpreti, oltre al fatto che alcuni ragazzi hanno giocato meno di 24 ore fa nel campionato Provinciale, comunque abbiamo i classe 2004 che si stanno difendendo bene in questa categoria e questa esperienza, anche se piena di ostacoli, non può che arricchire il loro percorso formativo”.

 

 

 

Tiramisù