SECONDA. Chieve: traguardo a un passo! Salvezza Monte, amarezza Agnadello: è retrocessione

Match-point per i ragazzi di mister Biella: vincendo col Monte, sarà Prima! Soncino e Palazzo in corsa per l'ultimo posto playoff, mentre Aurora e Bagnolo lotteranno per evitare i playout con la Ripaltese

Di Stefano Gipponi | Mercoledì, 19 Aprile 2017 14:52

SECONDA CATEGORIA - Girone I

CLICCA QUI per LA CLASSIFICA

 

Il Chieve è a una vittoria dal ritorno in Prima, forse anche meno.

I ragazzi di mister Biella, a +4 sulla Montodinese e a +5 sul CSO Offanengo, si giocheranno domenica il primo match point per la conquista del titolo: chievesi certamente campioni con un successo, tra le mura amiche, sul Monte Cremasco; ma anche con un pareggio nel caso in cui le dirette inseguitrici non facciano bottino pieno.
Difficile immaginare che i chievesi si lascino scappare un'opportunità così ghiotta per tornare in Prima dopo un anno di purgatorio, ma tutto è possibile nel calcio.

Se Montodinese e CSO Offanengo sono assolutamente certi dei playoff e la Scannabuese quasi, Soncino e Palazzo si contenderanno l'ultimo posto valevole per la post-season nelle ultime due gare: sarà un testa a testa esaltante!

Dopo Sabbioni, Casaletto e il Pieranica, anche il Monte Cremasco ha già festeggiato l'aritmetica salvezza, mentre l'Agnadello ha salutato ufficialmente la Seconda: gialloneri retrocessi in Terza Categoria, nonostante ultimi mesi di reazione orgogliosa e di qualità.

Ripaltese certamente ai playout, ma che per evitare guai peggiori non dovrà far scappare l'Aurora, attualmente terz'ultima. I rossoverdi di mister Perolini proveranno a riprendere il Bagnolo, attualmente a +3.
L'Aurora dovrà affrontare Mozzanichese (ancora in corsa per i playoff, ma con Soncino e Palazzo davanti) e Agnadello; il Bagnolo dovrà affrontare CSO Offanengo e Palazzo. Chi la spunterà?

Ecco i racconti degli ultimi match, a 180' dal triplice fischio finale.

 

Chieve, the final countdown: la Prima è dietro l'angolo

Tre punti separano il Chieve di mister Biella dalla Prima Categoria, a un solo anno di distanza dall'amara retrocessione. L'appuntamento con il titolo è fissato per domenica 23 aprile, quando la capolista ospiterà il Monte Cremasco. I gialloblù si sono assicurati il match-point superando per 2-1 un'agguerrita Ripaltese, alla caccia di punti vitali per scongiurare la retrocessione, trascinati da un superlativo Bertolotti.

Il leader chievese ha infatti prima sbloccato il punteggio con una gemma di rara bellezza, una conclusione dai venticinque metri infilatasi a fil di traversa, poi confezionato l'assist del 2-0 di Gipponi con un cross al bacio per il colpo di testa del compagno. I padroni di casa hanno rischiato di complicarsi la vita nel finale, permettendo a Nichetti, bandiera rossoverde, di accorciare le distanze e fallendo in più circostanze il possibile 3-1 con Piccolini (palo), Bruschi e Shahi, ma al triplice fischio è arrivato quel successo che vale la possibilità di festeggiare la promozione e la vittoria del campionato già domenica.


La Montodinese vince di misura, il CSO condanna l'Agnadello

Prosegue il duello alle spalle del Chieve tra Montodinese e CSO: i biancorossi, pur soffrendo più del pronosticabile contro il Pieranica, hanno mantenuto la seconda posizione; i biancoblù, invece, si sono confermati macchina da gol implacabile a spese dell'Agnadello.

I ragazzi di mister Merisio si sono affidati per l'ennesima volta al loro uomo più prolifico: è stato infatti il solito Capellini, autore di una rete splendida, a risolvere la complicata pratica Pieranica. In un match che ha faticato tremendamente a decollare, la magia del Cappe, stop e girata in un fazzoletto, ha regalato alla seconda della classe tre punti pesantissimi. Gli ospiti, nonostante la salvezza ormai raggiunta, hanno disputato la gara con grande professionalità, sfiorando diverse volte il pareggio, in particolare con Ogliari e Provenzi.

Discorso parecchio diverso per chi insegue, ovvero il CSO: i ragazzi di mister Riboni hanno espugnato Agnadello con un rotondo 1-4 maturato nella prima ora di gioco. Dopo una prima frazione combattuta, le reti di Tolasi, Bellandi, Bono e Stringhi hanno certificato il momento di forma ottimale degli offanenghesi, sempre più miglior attacco del torneo. Il rigore trasformato nel finale da Bolzoni non ha alleviato l'amarezza per una retrocessione che pareva inevitabile già qualche mese or sono, nonostante i ragazzi di mister Sacchi abbiano provato in ogni modo a risalire la china, con orgoglio e qualità.
Ripartendo da queste ultime gare sarà possibile costruire una squadra ambiziosa in Terza.


Lo Scanna blinda il quarto posto, scintille tra Soncino e Palazzo per il quinto

La Scannabuese, reduce da un periodo di magra, è tornata al successo nel match casalingo contro l'Ombriano Aurora: mattatore dell'incontro è stato Omar Viviani, autore di una importantissima doppietta. L'attaccante biancoverde ha aperto le marcature con un perentorio colpo di testa e raddoppiato con un calcio di rigore. A suggellare la vittoria dei padroni di casa è stato Cappa, mentre nel finale Venturelli ha alleggerito il passivo con una pregevolissima conclusione al volo.

Gara piacevole, perché affrontata a viso aperto da entrambe le squadre, tra Bagnolo e San Paolo Soncino: ad avere la meglio sono stati i soncinesi, guidati dall'estro di Scaravaggi. I gialloblù padroni di casa, desiderosi di chiudere il discorso salvezza con una vittoria, hanno tentato con intraprendenza di ottenere i tre punti, ma sono stati puniti dal talento e la velocità degli avanti di mister Gallina. Proprio una percussione di Scaravaggi, con tanto di dribbling ai danni di Paolo Bastianoni, ha consentito agli ospiti di passare in vantaggio nella prima frazione; nella ripresa, lo stesso fantasista biancorosso ha poi siglato il definitivo 0-2 su calcio di rigore, concesso per un netto contatto tra Spoldi e Remedio.

Appaiato ai bresciani, al quinto posto, c'è il Palazzo Pignano di mister Tessadori, in forma smagliante. I biancoblù erano attesi da una partita chiave in quel di Mozzanica e hanno superato a pieni voti il test di maturità con un perentorio 2-5. Gara scoppiettante: nei primi quarantacinque minuti gli spettatori hanno assistito alla bellezza di quattro reti, due per parte. Pronti-via e Mozzanichese avanti con il penalty trasformato da Rossoni, ma Palazzo capace di ribaltare il punteggio in pochi minuti con la coppia che scoppia Malusardi-Cavalli; prima dell'intervallo, padroni di casa nuovamente in gol su calcio piazzato, questa volta con Rossini, complice lo sfortunato Tassetto, sostituto dello squalificato Silvestro, accecato dal sole.
Nella ripresa, invece, c'è stato un one-man show: il tifone Rusconi si è abbattuto sui bergamaschi con una tripletta micidiale; un contropiede letale, un rigore segnato con freddezza e una punizione pennellata magistralmente. Il Palazzo vuole fortemente ritagliarsi un posto tra le magnifiche cinque.

 

 

Monte, missione compiuta! I Sabbioni spengono le velleità playoff della Doverese

Il Monte Cremasco di mister Marazzi ha coronato un girone di ritorno superbo con la salvezza anticipata in quel di Casaletto: le reti di Marco Lombardo, Zanini e Marziali, che si è così congedato dal calcio giocato con un gol determinante, hanno permesso ai muccesi di godersi una domenica di festa. A poco o nulla è valso per i granata il gol dell'insaziabile Merico: il fondamentale traguardo raggiunto la settimana precedente ha inevitabilmente influito sugli stimoli dei ragazzi di mister Rossi che hanno comunque onorato l'impegno.

Altro successo di prestigio per l'Oratorio Sabbioni di Mister Fusar Imperatore: con un 2-1 in rimonta i giallorossi hanno, forse definitivamente, spezzato il sogno playoff della Doverese. Partita vibrante, ricca di emozioni e occasioni da una parte e dall'altra: ospiti in vantaggio nella prima frazione con il tap-in di Robesti e vicini allo 0-2 con la traversa colpita da Broglia. Risposta sabbionese affidata all'intramontabile Cotelli: per l'attaccante giallorosso un palo nei primi quarantacinque minuti e il penalty dell'1-1 siglato nella ripresa. Un altro legno, in questo caso di Vigorelli, un miracolo di Bonara e un clamoroso salvataggio di Raimondi Cominesi sull'ex Mazzucchetti hanno impedito alla Doverese di trovare l'1-2. Ben più cinici i padroni di casa: la zuccata di Carera su assist volante di Aliprandi, proprio all'ultimo respiro, ha regalato ai giallorossi i tre punti.

Tiramisù