CSO OFFANENGO. Biancoblù ancora all'attacco: continuità e ambizioni

I ragazzi di mister Riboni ripartono dalla conferma in blocco della squadra protagonista di un fantastico girone di ritorno. Pochi innesti, ma di valore: Silvestro e Ogliari, De Nicolò, Nolli, Martignoni, Mazzoleni e Beccalli

Di Fabio Faciocchi | Venerdì, 25 Agosto 2017 13:38

Parola d'ordine: continuità.

Riprende con il pallone tra i piedi il CSO Offanengo di mister Agostino Riboni: subentrato al timone della compagine biancoblù lo scorso anno, il tecnico ha compattato l'ambiente, guidando la squadra sino al 3° posto in classifica.

Impressionante il ruolino di marcia del CSO nel girone di ritorno: gol a grappoli e bel gioco hanno portato a risultati importanti e a una clamorosa rimonta in classifica, sino al 3° posto in regular season.
Il volo stoppato sul più bello, al 1° turno playoff dalla Scannabuese, non ha però fatto spegnere i motori biancoblù.

Tanta la voglia di rialzare la testa e proseguire il percorso all'insegna della continuità.

Confermata in blocco la rosa della scorsa stagione, a partire dal mister: la permanenza sulla panchina di Agostino Riboni ha rappresentato un chiaro segnale della volontà di proseguire con l'ottimo lavoro svolto.

Indizio poi certificato dal mantenimento della rosa, con pochi innesti, ma mirati, in ogni reparto.

 

 

 

Là davanti, chiavi dell'attacco ovviamente in mano al capocannoniere Matteo Stringhi, confermatosi bomber di razza con oltre 20 centri: un bottino invidiabile, che potrebbe ancora aumentare.

La maturazione di Rudy Coti Zelati, l'esplosività di Michele Ballerini, la velocità di Matteo Scaravaggi e la qualità del Fantastico Nicholas Piloni porteranno in dote gol e assist, offrendo anche spazi al centravanti biancoblù.
Tanta fiducia riposta anche in Andrea Beccalli: il giovane attaccante classe '98 arrivato dall'Offanenghese potrà ritagliarsi minutaggio imporante, cui ambisce anche il '97 Luca Riboni.

In mezzo al campo l'estro del classe '95 Luca Romano sarà ancora supportato dalla diga Ricky Benelli-BonoFederico, ma le chiavi della cabina di regia potrebbero essere affidate a Davide Nolli, classe '93 tornato al calcio a 11 dopo l'esperienza nel futsal con il Videoton Crema. Doti tecniche, rapidità d'esecuzione e di pensiero potrebbero farne uno dei costruttori di gioco del CSO Offanengo. Tanta curiosità di vedere all'opera anche il classe '92 Dario Mazzoleni: a mister Riboni il compito di gestire i compiti e un reparto con tanta qualità.

 

 

 

Giovani e rampanti confermati sulle corsie laterali: gamba e qualità del classe '95 Chicco Ferla e del classe '96 Luca Tolasi sono state le chiavi che hanno permesso a mister Riboni di sostenere un modulo così offensivo nella scorsa stagione e rappresentano due interpreti decisivi per l'equilibrio della squadra, anche se la loro duttilità potrebbe anche vederli impiegati in altri settori del campo all'occorrenza.

Se l'ossatura della squadra è stata mantenuta intatta, al CSO Offanengo si registrano porte girevoli: salutati Tartaglia e Sangiovanni, a giocarsi la maglia da numero uno saranno Mario Gatto Silvestro, ex Crema 1908, prelevato dal Palazzo Pignano, e Andrea Ogliari, totem del Chieve degli ultimi anni. Due veri titolarissimi: ogni allenamento sarà un duello costruttivo per entrambi!

Davanti a loro, la linea difensiva potra nuovamente contare sui Matia centrali, Ballerini e Bellandi, sul gladiatore Emanuele Confortini e da questa stagione anche su Mirko Martignoni, granitico classe '86 che ha fatto le fortune del Salvirola in Prima, in arrivo dalla Gilbertina.
Corsie laterali a tuttafascia, con l'ordine di Michele Botturi, il gringo Raffaele Rizzetti, il cursore Mirko Scaravaggi e un nuovo grande arrivo: il classe '96 Marco De Nicolò, pronto a un ruolo da protagonista dopo le esperienze in Promozione.

 

 

 

La squadra intriga molto, non tanto perché completa in tutti i reparti, quanto perché con giocatori che permetteranno a mister Riboni un ampio ventaglio di soluzioni tattiche.

Il vero 4-2-4 della scorsa stagione, con terzini alti e aggressivi, potrà essere facilmente variato con un 4-3-3 per comandare il centrocampo, ma non solo.

Buone indicazioni dalla prime uscite stagionali, che caricano l'ambiente e lo staff: positivo il test con il Castelleone, nonostante il ko 3-7, viste le tante assenze; a segno Coti Zelati, Benelli e Matteo Scaravaggi.
Niente Coppa Lombardia, per iniziare senza rischi di infortuni e senza un livello agonistico elevato: prossime amichevoli il 27 agosto con i cugini dell'Offanenghese, il 30 agosto con il Chieve dell'amico mister Patrini e il 3 settembre con la Frassati di mister Gruppi.

L'entusiasmo dei presidenti Sergio Moroni e Gianbattista Gatti si unisce alla carica del Mac, il direttore sportivo Roberto Maccoppi, e allo staff completato dai dirigenti Santino Zerbi, Ennio Ghisetti e dal massaggiatore Giulio Scaravaggi.

Il rinforzatissimo Fontanella e la Scannabuese paiono destinate a lottare per il titolo, ma oltre alla Mozzanichese anche il CSO Offanengo proverà a dare il meglio di sé ogni domenica: lo scorso anno sarebbe bastato ingranare con solo qualche domenica d'anticipo per agguantare la vetta.

In questo campionato di Seconda Categoria ogni gara sarà decisiva: difficile pensare a un nuovo torneo in cui tutte le prime abbiano vissuto rallentamenti, quindi sarà fondamentale partire forte e mantenere il ritmo tutto l'anno.

E forse proprio questo potrebbe essere il vantagio del CSO Offanengo: un lavoro all'insegna della continuità che potrebbe favorire una buona partenza: conferma playoff o lotta per il primo posto?

 

 

 

Tiramisù