CACCIA'S EYE. L'analisi di Offanenghese - Bedizzolese

Giallorossi strepitosi in Eccellenza, a punteggio pieno, dopo 4 turni, da matricola. Qual è però l'analisi del tiratissimo successo sulla Bedizzolese? Vittoria meritata? Ecco lo sguardo sagace di mister Caccialanza

Di Redazione | Domenica, 08 Ottobre 2017 19:24

Una bella novità per Baloo Calcio.
Tra i nuovi articolisti collaboratori si aggiunge anche il Coach Therapist Mario Caccialanza, che ha deciso di condividere anche con Baloo Calcio il suo pensiero.
Lo sguardo di un mister preparato e appassionato, con un pizzico di irriverenza, un focus su aspetti tecnico-tattici spesso trascurati e anche il giusto tocco di poesia e romanticismo, che nel calcio non fanno mai male.
Un nuovo sguardo sul calcio giocato, costruendo un punteggio pugilistico di stampo meritocratico, calibrato su sei diverse fasi di gioco, scandagliando il match in altrettanti mini-tempi da 15 minuti ciascuno.
In caso di formazioni che si sono equivalse saranno assegnati 7,5 punti a testa, in caso di supremazia di una squadra sull'altra 10 punti per la migliore e 5 per la peggiore, 15 a 0 in caso di manifesta superiorità di una squadra sull'altra.
Ecco quindi l'analisi del match di mister Caccialanza: buona lettura.

 

 

PROMOZIONE - Girone E

OFFANENGHESE - BEDIZZOLESE

C’è una squadra, del nostro territorio, che affronta quest’anno una nuova avventura, una sconosciuta categoria, e che si sta comportando alla grande: l’Offanenghese. Mai, nella loro storia, i giallo rossi avevano disputato il campionato di Eccellenza. Ebbene, avendo già osservato il turno di riposo, hanno affrontato e vinto i loro primi 3 incontri. Oggi se la vedranno con i bresciani della Bedizzolese: 7 punti sino ad ora, frutto di 2 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta.

Splende un bel sole, il cielo è limpido, la temperatura è mite. Se il manto erboso fosse più compatto, ci troveremmo nella situazione ideale per disputare una partita di calcio, una bella partita di calcio, possibilmente buona.


Primo Tempo

00′ – 15′   Evidente, ancor prima del calcio d’inizio, la disposizione delle squadre in campo. Padroni di casa, in completo bianco, con un 4-3-3, ospiti, in maglia granata, con un 4-3-1-2. Partenza a razzo dei bresciani che si assestano nella metà campo avversaria e pressano alla ricerca del pallone. Prese le misure, i locali cominciano a rispondere alla manovra ospite. E’ loro la prima vera occasione da rete al 10°, ma il colpo di testa finisce alto sopra la traversa.
      Prima valutazione: Offanenghese 7,5 – Bedizzolese 7,5

16′ – 30′   Arretrano il proprio baricentro i bresciani, guadagnano campo i cremaschi. Si procurano un paio di calci d’angolo e sul secondo, dalla destra, Oprandi salta più alto di tutti e mette in rete di testa: è il 20°. Punizione dalla sinistra al 27°, Ramundo di testa raddoppia, ma la segnalazione del collaboratore dell’arbitro annulla tutto.
      Seconda valutazione: Offanenghese 10 – Bedizzolese 5

31′ – 45′   Calcio d’angolo, da distrazione, per i bresciani al 31°. Le solite lotte in area e quando arriva il cross, basso, Mor si trova solo soletto in una piazzola, calcia di prima intenzione e realizza tra lo stupore generale: risultato in parità. Spettacolare rovesciata di Forbiti al 34°, gesto da applausi, ma palla è alta sopra la traversa. Dopo un paio di minuti, errore al limite dei locali e salvataggio miracoloso di Ramundo. Cominciano i pasticci arbitrali aumentano le lamentele. Si pasticcia anche in campo e si arriva, confusamente, alla fine del tempo.
      Terza valutazione: Offanenghese 7,5 – Bedizzolese 7,5

Valutazione al 45′: Offanenghese 25 – Bedizzolese 20

 

 

 

Secondo Tempo

46′ – 60′   Si riparte come si era iniziato. Ospiti all’attacco e occasione da rete dopo un solo minuto. Si lotta ma si sbaglia troppo: c’è confusione e parecchia tensione. Il comportamento del direttore di gara non aiuta certo a calmare gli animi. Un gran tiro di Ferrari al 13°, su calcio di punizione, sfiora l’incrocio dei pali.
      Prima valutazione della ripresa: Offanenghese 7,5 – Bedizzolese 7,5.

61′ – 75′   Comincia il valzer dei cambi. Punizione esterna per i giallo rossi al 24°. Parte il cross, Forbiti a terra, fischio arbitrale: calcio di rigore ed espulsione del numero 3 per doppia ammonizione. Non sbaglia l’esecuzione il numero 9 ed Offanenghese di nuovo in vantaggio. Mentre in tribuna si sta ancora festeggiando, Ephraim entra in area, sbatte contro un avversario e cade a terra. Non ha dubbi il direttore di gara: rigore. Non fallisce dagli 11 metri Fregoni e partita di nuovo in parità.
      Seconda valutazione della ripresa: Offanenghese 7, 5 – Bedizzolese 7,5.

76′ – 90′   La tribuna è una bolgia, difficile accettare certe decisioni. Al 33° Mor, l’autore del gol ospite, commette fallo a centrocampo, si becca il secondo giallo e lascia i compagni in 9. Mancano 15 minuti al termine, l’allenatore dei bresciani toglie una punta, ma non fa le barricate. Schiera un 3-4-1 e non rinuncia a ripartire. Si arma di pazienza la squadra di casa, fa girar palla, allargando il gioco da una fascia all’altra. Vanno al cross i giallo rossi, tirano dal limite, ma non trovano la via del gol. Ennesimo calcio d’angolo al 88°. Tocco corto, palla in mezzo, un primo tocco, il pallone si impenna e nel mucchio spunta la testa di bomber Forbiti che riporta i suoi in vantaggio. L’Offanenghese, nonostante la superiorità numerica, ha paura di non farcela, si chiude e corre qualche piccolo rischio, una punizione e un calcio d’angolo, ma al triplice fischio può festeggiare la sua quarta vittoria.
      Ultima valutazione: Offanenghese 7,5 – Bedizzolese 7,5. Un piccolo premio all’atteggiamento tattico ospite.

Valutazione a fine partita: Offanenghese 47,5 – Bedizzolese 42,5

 

 

Conclusioni

I giallo rossi hanno fortemente voluto questa vittoria e, alla fine, a fatica, l’hanno ottenuta. Mi hanno fatto una buona impressione: squadra compatta, con 9 giocatori che lavorano assieme duramente, con un portiere esperto alle spalle che infonde sicurezza e un vero numero 9 là davanti. Una vera prima punta, che sa fare reparto anche da solo, che lotta contro tutto e tutti e che la mette anche dentro: cosa chiedere di più? Complimenti a Forbiti ed all’Offanenghese, società compresa.

Anche i bresciani non mi sono dispiaciuti, ben guidati in campo dal loro capitano Fregoni. Hanno lottato, cercato la via del gol fino alla fine, anche in 9 uomini.

Esauriti i complimenti, una annotazione un po’ più critica. Abbiamo visto 5 gol, più 1 annullato: 2 su calcio di rigore, 3 da calcio d’angolo, 1 da calcio di punizione. E’ proprio vero: le palle inattive sono ormai fondamentali per andare in rete e vincere le partite. Però: la fluidità e la precisione della manovra, oggi e 15 giorni fa a Pandino, mi è sembrata un po’ carente, in questo girone d’Eccellenza. O mi sbaglio io?

Che dire della direzione del signor Frasynyak di Gallarate? Giunto presto allo stadio, ho apprezzato il meticoloso riscaldamento della terna, con corse a riccio ed in diagonale, in sincronia, poi è cominciata la partita. Ha iniziato discretamente ed è andato sempre peggio. Senza entrare nel merito delle decisioni, quando arbitri da “taia e medega” non puoi cavartela: scontenti tutti e fai danni. Non puoi riparare ad un errore, o presunto tale, commettendone un altro. Mi spiace, veramente male.

Un saluto a tutti.

Tiramisù