SERIE D. Impresa Pergo: vittoria sul Ciliverghe in dieci! Ottimo Crema col Pontisola - FOTOGALLERY

I gialloblù sfatano il tabù Ciliverghe trascinati da Boschetti-gol e dalla leadership di Contini in difesa. Grande prova dei nerobianchi col Pontisola: 0-0 nonostante molte occasioni

Di Redazione | Giovedì, 19 Ottobre 2017 15:55

Foto Dognini per U.S. Pergolettese 1932 - Foto Giordano per A.C. Crema 1908

SERIE D - Girone B

Pergolettese - Ciliverghe 1 - 0 
15' Boschetti

Ponte S.P. Isola - Crema 1908 0 -0 


Classifica:

Rezzato e Darfo Boario 20; Pro Patria 18; Pergolettese 17; Pontisola e Ciliverghe 16; Virtus Bergamo e Caravaggio 15; Lecco 13; Levico Terme 12; Crema 1908 11; Bustese e Ciserano 8; Dro e Trento 7; Grumellese 6; Scanzorosciate e Lumezzane 5; Romanese 4.


10^ Giornata
Domenica 22 Ottobre 2017

Ore 15.00 - Stadio "Voltini" - Crema (CR)
Crema 1908 - Virtus Bergamo

Ore 15.00 - Darfo Boario (BS)
Darfo Boario - Pergolettese

 

È davvero un mercoledì da leoni per le cremasche in Serie D: il turno infrasettimanale vede sorridere entrambe le cremasche, protagoniste di due prove d'autore.

In copertina c'è sicuramente l'impresa di una fantastica Pergolettese: i gialloblù vincono 1-0 al "Voltini" contro la bestia nera Ciliverghe, avversario indigesto nelle ultime stagioni, ma soprattutto protagonista di un grande avvio di campionato e reduce da cinque vittorie consecutive.
Quando il gioco si fa duro, i Cannibali iniziano a giocare: a seguito di un momento delicato come il post-derby, il Pergo risponde con due successi in quattro giorni e mettendo nel mirino il Darfo capolista.

La vittoria gialloblù è frutto di un match perfetto, in entrambe le fasi: il propositivo primo tempo dei cremaschi è stato capitalizzato al 15' da Boschetti, che insacca l'assist di Pezzi con il piattone dell'1-0, riscoprendosi protagonista assoluto di una squadra che, dopo aver conosciuto le grandi doti di Villa e soprattutto Ferrario, non può prescindere dall'apporto di tutti i suoi interpreti, di cui il classe '96 rappresenta uno dei più importanti.
Gli ospiti provano a reagire, ma la difesa cannibale ruggisce e concede solo un moto d'orgoglio al Ciliverghe, insidioso con due punizioni.

La partita rischia di cambiare esito dal 60': il direttore di gara rifila il secondo (generoso) giallo a Dragoni, mostrandogli il rosso e lasciando il Pergo in dieci per la mezz'ora finale. È proprio così, però, che la fase difensiva gialloblù si riscopre più impenetrabile che mai: grazie all'apporto di Brero, ma soprattutto alla leadership di un totem come Contini, i cremaschi concedono le briciole al Ciliverghe, che non trova il varco vincente.

Nuovi protagonisti e una difesa che ha mostrato di reggere anche in dieci contro undici: domenica i cremaschi proveranno a divertirsi in quel di Darfo!

 

 

Ottima anche la prova del Crema 1908, che ferma sullo 0-0 il quotato Pontisola, da anni realtà consolidata della categoria.

I ragazzi di mister Porrini non mostrano alcun timore reverenziale e se la giocano con personalità in quel di Ponte San Piertro: la gara è frizzante e divertente, aperta a ogni risultato. I nerobianchi sfiorano il gol con Porcino e Mandelli, mentre i locali si affidano alla velocità di Ferreira Pinto & co. per insidiare i cremini. Il Pontisola si vede annullare il gol di Ientile per un fallo in attacco dei bergamaschi, ma prima dell'intervallo ancora Crema 1908 in avanti con Tomas, fermato da un gran riflesso del portiere locale Pennesi.

Anche nella ripresa si gioca a ritmi altissimi: più pericoloso il Pontisola a inizio secondo tempo, con Cugini, Ferreira Pinto e Recino, ma i nerobianchi reggono l'urto e si riaffacciano presto in avanti. Occasionissima per Mandelli: la sua botta da fuori impatta sulla parte interna del palo e attraversa la linea di porta; la riprende Pagano, che serve a Tomas un pallone invitante, ma terminato a lato di un soffio.
I locali non stanno cercano il gol fino alla fine, ma il match si chiude in parità.

Altra importante prova di maturità per il Crema 1908, che esce imbattuto da un campo ostico, al termine di una gara di livello giocata contro un avversario importante della categoria.

Resta un po' di amarezza per non aver trovato il guizzo vincente, ma il bicchiere è da considerarsi mezzo pieno: ora testa già al match di domenica, perché al Voltini arriva una Virtus Bergamo determinata più che mai a riscattare il ko interno rimediato dalla Pro Patria.

 

 

Tiramisù