Addio Romolo, il guaritore di tutti i calciatori

Il cordoglio del movimento sportivo del territorio saluta uno dei suoi personaggi più speciali: la scomparsa del guaritore, che aiutava tutti senza chiedere compensi, ha commosso tutti

Di Redazione | Giovedì, 19 Ottobre 2017 16:30

È un giorno triste, oggi.

Ci saluta uno dei personaggi leggendari del calcio dell'intera provincia, noto tanto nel Cremonese quanto nel Cremasco e non solo.

Si è spento, all'età di 92 anni, Romolo Crotti, il guaritore dei calciatori e degli sportivi del nostro territorio.

Romolo ha rappresentato per anni un vero punto di riferimento per tutti: persona restia ad avere visibilità, ha sempre lavorato con discrezione nella casina del Boschetto, sempre e solo, a servizio degli atleti e degli sportivi.

Iniziava così per tutti: "Hai un problema fisico da cui non riesci a guarire? Vieni da Romolo, fidati".

Nessuna referenza negativa in decenni di aiuto agli sportivi, ma solo un passaparola continuo, più che giustificato dalla bravura e dalla professionalità di Romulo.

Entrare in quella cascina era quasi come entrare in un tempio: le sue mani erano in grado di diagnosticare i problemi di natura muscolare e articolare. apparentemente più complessi e anche di risolverli con piccoli movimenti eseguiti alla perfezione.

Una figura unica e speciale nel suo genere: diversamente da tanti curatori che lucravano sul proprio operato, Romolo non chiedeva nulla ai ragazzi che guariva, se non una liberalità.

Tendiniti, contratture, mal di schiena, distorsioni: Romolo capiva subito il problema, grazie a una conoscenza sterminata del corpo umano e a una sensibilità fuori dal comune, e lo risolveva. Subito.

Anche dopo problemi significativi, invitava sempre i ragazzi a tornare subito in campo, motivandoli e spronandoli al pieno recupero.

Dopo un malessere che lo aveva colpito nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 ottobre, probabilmente un'ischemia, il ricovero all'Ospedale Maggiore di Cremona, dove si è spento questa mattina.

L'abbraccio del movimento calcistico e sportivo del Cremasco e del Cremonese ha subito raggiunto la famiglia, i conoscenti e, ne siamo certi, anche lui.

 

Tiramisù