TERZA. Special Match Preview: ecco la vigilia di Casale - Sergnanese

Tutto pronto per il derby d’alta quota in riva al Serio: chi si aggiudicherà la supersfida in Terza Categoria tra Casale e Sergnanese? Ecco l'analisi delle due squadre

Di Redazione | Venerdì, 20 Ottobre 2017 22:25

Derby d’alta quota in riva al Serio: tutto pronto per la supersfida in Terza Categoria tra Casale e Sergnanese.

Quali saranno le qualità determinanti  per aggiudicarsi la vetta solitaria?

 

LE SQUADRE

Sono senza dubbio le protagoniste di questo inizio di campionato,.Imbattute, un solo pareggio in 6 partite, tante reti segnate e pochi palloni raccolti in fondo al sacco. Squadre votate all’attacco  e che ricercano la rete attraverso la qualità del gioco.Fase difensiva altrettanto curata che concede poco o nulla alle avversarie. Una sfida sensazionale quella che propone la settima di andata. Ma quali sono i fattori che caratterizzano entrambe le squadre ed i relativi punti di forza?

ESPERIENZA

Questa è sicuramente a favore del Casale. La spina dorsale gialloverde formata da Bertoletti, Ogliari, Braguti e Cassani, gente con alle spalle centinaia di gare in categoria superiore, garantisce sicurezza a tutta la squadra e nei momenti topici del match sa guidare i più giovani nel risolvere al meglio le difficoltà. La Sergnanese ha un’età media parecchio inferiore e da questo punto di vista potrebbe pagare un po’ dazio. Il capitano Triassi dovrà esser bravo a mantenere la calma e trasmetterla ai suoi, qualità che non sempre lo accompagna, diventando spesso un giocatore dal cartellino facile, peseranno come macigni quelli che avrà in tasca domenica il direttore di gara.

CONDIZIONE ATLETICA

I risultati di questo inizio stagione e le goleade realizzate dalle due squadre in più di un’occasione fanno presagire che la condizione sia buona da ambo le parti. La maggiore freschezza dei Sergnanesi potrebbe essere un fattore,  a cui il Casale però contrapporrà la sopra citata esperienza per non sprecare energie inutili in una gara che chiederà molto anche dal punto di vista psicologico.


GLI UOMINI CHIAVE

In casa gialloverde ci si affida alla sapienza tattica di Ogliari e Bertoletti, in grado di dare ordine a difesa e centrocampo. In avanti la coppia Cassani-Tarenghi  sarà marcata stretta, i pericoli potrebbero così nascere anche dalla vivacità dei vari Poletto e Tiraboschi, giovani in rampa di lancio che hanno già fatto squilli importanti nelle prime giornate. Le abilità tecniche di Thiao potrebbero essere determinanti soprattutto a gara in corso, già decisivo a Pizzighettone nel decidere una gara difficile.

La Sergnanese punterà sulla velocità mista a buona qualità tecnica dei suoi giocatori più avanzati. Bomber Borgonovo si è riportato ai livelli di inizio carriera in cui faceva ammattire tutte le difese della Categoria. Dietro di lui, i giovani Comandulli, Bassano, Riboli e l’eterno Di Pietro sono giocatori che han già dimostrato di essere pericolosi soprattutto grazie alla loro rapidità e bravura negli inserimenti. Zanetti  garantisce sempre ottimo filtro a metà campo, mentre la retroguradia dovrà esser risistemata a causa della squalifica di Morandi, pesantissima assenza quella dell’ex di turno, espulso domenica scorsa. Tra i pali Tedoldi si sta confermando come uno dei migliori prospetti della categoria, avere tra i pali un 2000 non è da tutti, se la squadra punta in alto significa che le qualità sono importanti.


I GIOVANI

In altri periodi dell’anno, l’età anagrafica avrebbe avuto peso specifico decisamente maggiore. Pensate alla stessa gara giocata in una calda giornata di Aprile o addirittura agli spareggi di fine Maggio, dove dopo 10 minuti si ricorre già alla ricerca delle borracce. Il clima umido e l’abbassamento di temperatura di questi ultimi giorni dovrebbero favorire anche chi non fa della freschezza atletica l’arma migliore e che di autunni ne ha visti parecchi, tuttavia da entrambe le parti si potranno ammirare giovani di talento. Riboli, Poletto, Tedoldi, Scorsetti, Tiraboschi solo per citarne alcuni. Se è vero che l’esperienza è importante per non farsi sopraffare, la sfrontatezza aiuta a risolvere gare sul filo dell’equilibrio.


LE SCELTE

Più c’è equilibrio, più i dettagli faranno la differenza. Lo sapranno bene i due tecnici, molto preparati, Pasquini e Riluci. Il loro gioco non sarà certo banale e sicuramente attraente da una parte e dell’altra, ma se la gara non si schioda dall’equilibrio, come spesso accade nei derby in cui prevale la paura di non prenderle, i loro cambi, di uomini o di sistemi, potrebbero rappresentare la chiave.


IL TEATRO DEL MATCH

Non può esserci scenario migliore che il Comunale di Casale Cremasco. Senza nulla togliere allo stadio di Segnano, altrettanto bello, ma questo è uno dei terreni più belli dell’intera provincia. Come si dice nel vernacolo calcistico “Qui chi sa…SA!” e se quelle fatte son solo ipotesi, sarà il campo a dire la VERITÀ.

E questo non ammette repliche.

Tiramisù