CACCIA'S EYE. L'analisi di Offanenghese - Luisiana - FOTO

Il gol-lampo di Forbiti regala ai giallorossi il successo nel derby. Poi un match combattuto e : vittoria meritata dell'Offanenghese o la Luisiana avrebbe meritato il pareggio? 

Di Redazione | Lunedì, 20 Novembre 2017 21:23

Foto a cura di Maurizio Molaschi

Una bella novità per Baloo Calcio.
Tra i nuovi articolisti collaboratori si aggiunge anche il Coach Therapist Mario Caccialanza, che ha deciso di condividere anche con Baloo Calcio il suo pensiero.
Lo sguardo di un mister preparato e appassionato, con un pizzico di irriverenza, un focus su aspetti tecnico-tattici spesso trascurati e anche il giusto tocco di poesia e romanticismo, che nel calcio non fanno mai male.
Un nuovo sguardo sul calcio giocato, costruendo un punteggio pugilistico di stampo meritocratico, calibrato su sei diverse fasi di gioco, scandagliando il match in altrettanti mini-tempi da 15 minuti ciascuno.
In caso di formazioni che si sono equivalse saranno assegnati 7,5 punti a testa, in caso di supremazia di una squadra sull'altra 10 punti per la migliore e 5 per la peggiore, 15 a 0 in caso di manifesta superiorità di una squadra sull'altra.
Ecco quindi l'analisi del match di mister Caccialanza: buona lettura.

 

 

OFFANENGHESE - LUISIANA

Con quale immensa gioia, varco i cancelli del Nuovo Comunale di Offanengo, per assistere al derby tra due importanti società del nostro territorio. Società che, per la prima volta nella loro storia, sono approdate in questa categoria: l’Eccellenza.

Ben diverso il loro cammino, nelle prime 10 giornate. L’Offanenghese, che ha già osservato il turno di riposo, è partita con il piglio della grande squadra, ottenendo 18 punti, frutto di 6 vittorie e 3 sconfitte. La Luisiana ha iniziato balbettando, per motivi vari, e ha raccolto 10 punti: 2 vittorie, 4 pareggi, 4 sconfitte, ma è reduce da 2 successi consecutivi. È un derby, tutto è possibile, non ci resta che seguire l’incontro.


Primo Tempo

00′ – 15′   Si parte con qualche minuto di ritardo, davanti al pubblico delle grandi occasioni, ci impiega molto meno la squadra di casa ad andare in vantaggio. Calcio d’inizio per la Luisiana, lancio in profondità. Recupera palla l’Offanenghese e rilancia a sua volta. Bonizzi, in difficoltà, mette in fallo laterale. Battono i padroni di casa e girano palla, dalla sinistra alla destra, per Piacentini. L’esterno si libera e crossa. La traiettoria è lunga, supera Forbiti e sembra andare verso il fallo laterale. Ingenuamente, Pesenti gira le spalle per accompagnare il cuoio verso l’esterno. Beffardo, il pallone picchia sulla sua schiena e rimbalza davanti a un incredulo Forbiti che non deve far altro che depositarlo in rete. Non è ancora trascorso il primo minuto di gioco.

Nessuna sorpresa a livello tattico: solito 4-3-3 per i locali, in completo bianco, solito 4-2-3-1 per gli ospiti, con la classica divisa neroazzurra. Faticano a riprendersi i ragazzi di Marco, provano a insistere i padroni di casa. Buona iniziativa di Abbà sulla destra, ma il suo cross non viene sfruttato. Pasticcia la difesa ospite, non ne approfittano i locali. Fischia poco il direttore di gara, si lotta in mezzo al campo, si cercano le punte con improbabili lanci lunghi.
      Prima valutazione: Offanenghese 10 – Luisiana 5.

16′ – 30′   La partita è viva, ma troppi sono gli errori, le svirgolate, sintomo di tensione. Guadagna metri la Luisiana e si presenta pericolosa nell’area avversaria: qualche corner e un paio di conclusioni ribattute. Si abbassa, e tenta di abbassare il ritmo della partita, l’Offanenghese. Gran movimento di Forbiti, servito in profondità, conclusione a rete e salvataggio coi piedi di Vavassori. Dall’altra parte, Bianchi in uscita anticipa Dognini.
      Seconda valutazione: Offanenghese 7,5 – Luisiana 7,5.

31′ – 45′   Pur fra tanti errori, con tanta buona volontà, insiste la Luisiana alla ricerca del gol. Punizione da 20 metri, leggermente sulla destra, l’eccellente conclusione di Dognini aggira la barriera e colpisce l’incrocio dei pali. Un sontuoso Dognini, prima spreca, pensando di essere in fuorigioco, poi ruba palla a centrocampo. Supera in tunnel l’avversario e serve a destra Abbà il quale, calcia malamente. Si conclude così, un buon primo tempo, coi locali in vantaggio.
      Terza valutazione: Offanenghese 5 – Luisiana 10.

Valutazione al 45′: Offanenghese 22,5 – Luisiana 22,5

 

 

Secondo Tempo

46′ – 90′   Fatica a decollare la ripresa. Marco da il via alle sostituzioni, inizia i suoi numerosi cambiamenti tattici. Fuori Facchetti, dentro Beretta e rotazione di alcuni giocatori per alzare Marinoni a sinistra. La partita è ora bruttina, combattuta, ma molto pasticciata. Sempre più scontri in mezzo al campo, sempre più lanci in avanti. La prima ammonizione del match, a Bianchi, è una chicca arbitrale. Vorrebbe la Luisiana, ci prova, ma non arrivano conclusioni degne di nota. Si accontenta l’Offanenghese, aspettando qualche buona occasione in contropiede, qualche errore ospite.

Seconda sostituzione per i neroazzurri al 70′: Marrone sostituisce Bonizzi e si dispone al fianco di Volpi. Mister Pelati risponde con un doppio cambio e con una difesa a 5. Vuoi che Marco stia fermo? Proprio no! Allarga Marrone e Dognini per creare superiorità in mezzo al campo o sugli esterni. Purtroppo i tentativi di Marco non portano gli effetti sperati, proverà ancora qualcos’altro prima della fine. Si butta all’arrembaggio la Luisiana, ma puntando solo sulla buona volontà, in un confuso finale. Controlla senza troppa fatica l’Offanghese, puntando sulla velocità del neo entrato Yosef per alleggerire la pressione. Dopo 5 minuti di recupero, il triplice fischio arbitrale, viene accolto con entusiasmo dagli scalmanati tifosi giallorossi.

      Valutazione della ripresa: Offanenghese 22,5 – Luisiana 22,5

Valutazione a fine partita: Offanenghese 45 – Luisiana 45

 

 

Conclusioni

L’Offanenghese vince e continua la sua esaltante avventura. Non ha disputato una grande partita, ha sfruttato l’occasione iniziale e su di essa ha costruito la sua vittoria. L’ho vista giocare meglio. Il suo uomo d’ordine, Polonini, ha fatto da spettatore, ha toccato pochi palloni, perché mai cercato dai compagni, a vantaggio dei lunghi lanci.

La Luisiana ha pagato a caro prezzo la leggerezza di Pesenti. Lo nomino perché, da lì in poi, è stato tra i migliori in campo, peccato! Scietti, l’uomo davanti alla difesa, ha lottato, ha azzannato su tutti, recuperando innumerevoli palloni, nello spirito di questa squadra. Il Dogno, il gol da cineteca lo ha solo sfiorato. Non mollate ragazzi!

Il signor Petrov di Roma non mi ha convinto. Ha lasciato corre l’impossibile nel primo tempo, anche falli evidenti. Nella ripresa ha sì ammonito, ma non ha preso provvedimenti in occasione di tutti i falli tattici commessi, mah? Anche oggi, una evidente, urlata, bestemmia in mezzo al campo, udita da tutti, non dalla terna arbitrale.

Tiramisù