CACCIA'S EYE. L'analisi di Offanenghese - Breno

Giallorossi vicini al colpaccio nella trasfertona dell'ultima di andata: ai piedi dei monti, Offanenghese in vantaggio con la punizione di Piacentini, ma riacciuffata nel finale da Marrazzo. Un pareggio giusto? Ecco l'analisi di mister Caccialanza

Di Redazione | Lunedì, 18 Dicembre 2017 17:54

Foto U.S. Breno

Una domenica diversa, una occasione da non perdere. L’amico Alberto mi stuzzica, invitandomi a partecipare alla trasferta dell’Offanenghese in quel di Breno. E perché no? Il viaggio in pullman, il pranzo alle 11.00 ( riso in bianco e bistecchina? ), la passeggiata, la snervante attesa, la partita, il ritorno a casa: un calcio che conta!

Ed eccomi qui: ore 9.30, partenza per Breno. Una società ambiziosa che, in settimana, ha prelevato dal Crema 1908 un tale Carmine Marrazzo. Vado a osservare i numeri e capisco il perché. I bresciani possono vantare la miglior difesa di tutta l’Eccellenza, solo 7 le reti subite, ma uno tra i peggiori attacchi, solo 11 le reti all’attivo. Carminetor, nelle loro intenzioni, è il bomber che dovrebbe raddrizzare la loro stagione.

Viaggio tranquillo, nella nebbia, fino alle porte di Travagliato, dove ci accoglie un bel sole. I giovani dormono, i meno giovani chiacchierano. Il pranzo, pasta al pomodoro e bresaola, quattro chiacchiere con un dirigente della Pro Patria, siamo nello stesso albergo, e finalmente il campo. Sono coi ragazzi sul terreno di gioco, assisto al loro riscaldamento e quando l’arbitro li chiama per l’appello, mi accomodo in tribuna: siamo al clou della giornata.


BRENO - OFFANENGHESE


Primo Tempo

00′ – 15′   I padroni di casa, in completo bianco, si schierano con un 4-3-1-2; coppia d’attacco: gli ex Crema, Marrazzo Belleri. I giallo rossi aggiustano il tradizionale 4-3-3 per mandare Piacentini ad oscurare la fonte di gioco camuna e schierano il neo arrivato Tacchinardi. La partita è equilibrata sin dall’inizio, si gioca soprattutto a metà campo, ma appena trovano spazio entrambe le squadre cercano la conclusione. Le maggiori difficoltà, per i ventidue in campo, arrivano dal fondo duro e dalla fascia, sotto la tribuna, ghiacciata. Tanta buona volontà, qualche tiro dalla distanza.
      Prima valutazione:Breno 7,5 – Offanenghes 7,5.

16′ – 30′   Marrazzo pericoloso al 18′, Bianchi attento non si fa sorprendere. Crescono i camuni, faticano a ripartire i giallo rossi. E’ il momento migliore per i locali, ma gli ospiti fanno buona guardia e superato il brutto momento tornano ad alzarsi.
      Seconda valutazione: Breno 7,5 – Offanenghese 7,5.

31′ – 45′   I padroni di casa cercano sempre più di innescare Marrazzo, lui si da molto da fare, ma non riesce a trovare la conclusione. Decisiva deviazione di Bianchi, oltre la traversa, su tiro dal limite, leggermente deviato da un compagno, al 42′. Il tempo si chiude con le lamentele dei camuni per un calcio di rigore, a loro dire, non concesso, dopo un ottimo intervento di Bianchi su tiro al volo di Belleri.
      Terza valutazione: Breno 10 – Offanenghese 5.

Valutazione dopo 45′: Breno 25 – Offanenghese 20

 


Secondo Tempo

46′ – 60′   Ancora equilibrio in campo ad inizio ripresa, con un’occasione per parte: ci vorrebbe una magia per spezzare l’incantesimo. Capitan Marchesini si conquista una punizione sulla destra, a 10 metri dal fondo. Al fischio arbitrale tocco all’indietro per Piacentini che controlla e disegna una traiettoria arcuata, imprendibile per il portiere, con il pallone che si infila sotto al sette dall’altra parte: è il 55′, la magia è servita. Reagisce subito il Breno, ma i giallo rossi ora credono nel colpaccio.
      Prima valutazione della ripresa: Breno 7,5 – Offanenghese 7,5.

61′ – 75′   I locali attaccano, gli ospiti ripartono pericolosi: potrebbe succedere di tutto. Via ai cambi, 2 in pochi minuti, per i camuni i quali iniziano a servire Marrazzo con maggior precisione. Al 68′ verticalizzazione su Carminetor, veloce e preciso uno due con Belleri, che mette il compagno davanti a Bianchi. Sapiente tocco e palla in rete. Il giovane Guerini lascia il campo colpito da crampi: entra il 2000 Stringa, si abbassa Ferrari.
      Seconda valutazione della ripresa: Breno 7,5 – Offanenghese 7,5.

76′ – 90‘   La partita è cambiata. I locali vogliono la vittoria, aumentano la pressione, i giallo rossi sono in difficoltà. Dopo una nuova occasione dei camuni, con ennesimo ottimo intervento di Bianchi, mister Pelati muove le sue pedine e sceglie la difesa a 5. Da qui alla fine l’Offanenghese pensa solo a difendersi, non vuole vedersi sfuggire il prezioso pareggio. Corre qualche rischio, ma resiste al pressing finale dei padroni di casa.
      Ultima valutazione:Breno 10 – Offanenghese 5.

Valutazione finale: Breno 50 – Offanenghese 40

 

 

Conclusione

L’Offanenghese ha disputato una buona partita, da squadra importante, senza paura alcuna, per far risultato, contro un’avversario costruito per l’alta classifica. Chiude così il suo girone d’andata a 26 punti, inimmaginabile ad inizio campionato. Ma quel che più conta, anche oggi ha dimostrato di essere una squadra compatta ed equilibrata, che sa quel che vuole e come ottenerlo.

Il Breno oggi mi ha fatto una buona impressione, un ottima difesa a cui aggiungere una già buona intesa tra il duo d’attacco Marrazzo Belleri: non mi stupirebbe una loro importante rimonta nel ritorno.

Tranquilla la direzione del signor Rodigari di Bergamo. Partita facile da dirigere, nonostante il campo insidioso.

Esaurito il dovere, apro il libro dei ricordi. Sono tornato a Breno dopo 33 anni. Allora, stagione 84/85, allenatore del Monte Cremasco in Promozione: e fu 0 a 0. Oggi in un altro ruolo, inviato al seguito dei giallo rossi: risultato 1 a 1. Da Breno torno sempre imbattuto.

Buone Feste a tutti.

Tiramisù