CREMA 1908. Un buon pareggio col Ciliverghe: mister Lucchetti parte col piede giusto

Il colpo di testa del rientrante Testardi vale l’1-1 in rimonta con i tosti bresciani. E domani si gioca il recupero a Trento: si cerca un successo per lavorare meglio in vista di un inizio d’anno di fuoco

Di Redazione | Martedì, 19 Dicembre 2017 12:10

Foto Crema 1908

Un buon punto in una trasferta difficile.

Inizia con il piede giusto la nuova avventura di mister Maurizio Lucchetti sulla panchina del Crema 1908.

Col Ciliverghe Mazzano arriva un 1-1 in rimonta per i cremini, che nella ripresa pareggiano i conti con l’incornata del rientrante Testardi, infortunatosi nel primo tempo del match poi rinviato a Trento, che si recupererà proprio domani.

“Soddisfatto per la prestazione: avevo chiesto una prova di carattere e c’è stata”, ha detto mister Maurizio Lucchetti a fine gara, “Sapevo che avremmo dovuto affrontare una partita in cui la motivazione e la grinta avrebbero fatto la differenza. Il Ciliverghe è una squadra molto solida e con un reparto offensivo di prim’ordine. Abbiamo sprecato diverse occasioni nel primo tempo, poi abbiamo subito il gol. Siamo riusciti a pareggiare e nella parte finale della gara siamo stati molto pericolosi, rischiando anche di andare in vantaggio. Domani con il Trento voglio rivedere la stessa determinazione e la stessa cattiveria agonistica”.

Una vera dichiarazione d’intenti quella del tecnico cremino, che ha lanciato dal primo minuto il centrocampista classe ’91 Mantovani, confermando l’ossatura della squadra che sin qui si era resa protagonista di un buon campionato. Nonostante le partenze di Marrazzo e Pedrocca in settimana, la squadra sembra assimilare bene i nuovi dettami e il lavoro del nuovo tecnico: domani un altro importante banco di prova, per arrivare alla sosta nel migliore dei modi e farsi trovare pronti alla ripresa.

Dopo la sosta, infatti, tre match in una settimana: domenica 7 gennaio la 1^ di ritorno a Darfo Boario e mercoledì 10 gennaio il recupero al “Voltini” con il Levico Terme, quindi la sfida casalinga al Lecco domenica 14 gennaio. Che inizio d’anno!

 

 

LA PARTITA

CILIVERGHE MAZZANO - CREMA 1908 1 – 1
Testardi

Buon avvio dei nerobianchi: già al 2’ Crema subito in attacco con Testardi che serve ottimamente Pagano, ma il capitano nerobianco non riesce a girare in rete. Ancora in evidenza Testardi, che s’invola verso la porta e conclude di prepotenza, ma West respinge. De Angelis prova per due volte a violare la porta di Marenco, che respinge in entrambe le occasioni. Al 16’ è ancora il Ciliverghe a spingere con Comotti, che calcia rasoterra di poco a lato. Il pressing molto alto del Crema porta gli attaccanti nerobianchi a rendersi pericolosi, ma West si oppone in successione a Pagano, Testardi e Pagano, servito da Donida. Un po’ a sorpresa, al 30’ i padroni di casa passano in vantaggio: il gol porta la firma di De Vita dopo un gran numero di De Angelis. Il Crema tenta di reagire, ma la conclusione di un Pagano in grande spolvero, servito dal nuovo arrivato Mantovani è ancora parata da West.

La ripresa si apre con una reazione veemente ed efficace dei cremini: dopo dieci minuti di forcing, Mandelli serve chirurgicamente Testardi, ben posizionato in area, per l’incornata a rete che vale l’1-1 e il primo gol in nerobianco per il nuovo innesto del mercato.

Sale quindi in cattedra il direttore di gara, che mostra il giallo a Testardi, Porcino, Stankevicius in pochi minuti: è il segnale che il match si sta per accendere.
Locali pericolosi con De Vita, ospiti con Testardi, ma è nel finale che arrivano le occasioni più ghiotte: all’85’  Chinelli grazia Marenco da posizione invitante: ribatte il Crema la chance mancata da Scietti sulla punizione di Mantovani.
Recriminazioni locali per una trattenuta di Scietti a Balotelli Jr. a fermare una potenziale nitida occasione: proteste dalla panchina bresciana, con un rosso. Ancora recriminazioni locali per un fallo di mano in area cremina, quindi l'ultimo sussulto a cura di Pagano, ma il punteggio non cambia più: finisce 1-1.

 

Tiramisù