PROMOZIONE. Cuore Rivoltana: successo salvezza! Castelleone agganciato all'ultimo posto

I rivieraschi vincono meritatamente 0-1 al Dosso. Punto importante del Romanengo con l'Acos: 5° posto giallorosso confermato! Sconfitta per la Sore a Settala: rossoblù invischiati nella lotta salvezza

Di Redazione | Martedì, 23 Gennaio 2018 16:34

A cura di Luca Bozzetti


Grinta Rivoltana, leoni domati.

Quella dei rivieraschi, corsari 0-1 al Dosso di Castelleone, è una vittoria che vale doppio nella lotta per la salvezza diretta. 

Dopo una partenza da incorniciare e una caduta libera, la Rivoltana prova a voltare definitivamente pagina con una prova di carattere e accortezza, che le ha permesso di espugnare la tana di una delle rivali nella lotta salvezza.
Per i ragazzi di mister Rossi un ko inaspettato, ma che rispecchia l'andamento del match: la verve degli ospiti, più reattivi e determinati, ha la meglio sui padroni di casa, che non si rendono mai veramente pericolosi, se non allo scadere.

La fotografia della sfida è quella del minuto 96: il direttore di gara ha appena fischiato la fine del match e Gianfranco Sacchi, cuore gialloblù subentrato solamente nel finale per scelta tecnica, si accascia a terra, sconfortato dal triplice fischio e dal gol del possibile pareggio, da lui siglato e dall'arbitro annullato, pochi istanti prima.

Momento difficile a Castelleone, dove lo scoramento potrebbe aver raggiunto il suo apice stagionale: dopo l'avvio incerto e l'avvicendamento alla guida tecnica della squadra, passata da mister Miglioli a mister Rossi, il mercato e il mese di dicembre avevano lasciato buone speranze per il girone di ritorno, nonostante l'ultimo passo del 2017. Il pareggio con il Real Melegnano e ancor di più il ko interno con la Rivoltana aprono invece ad alcuni scenari di riflessione per puntare alla salvezza diretta.

La classifica è davvero cortissima nelle retrovie: il Castelleone è scivolato all'ultimo posto, condiviso con Settalese e Rivoltana; ma dai 14 punti della maglia nera ai 17 della salvezza diretta passano solamente 3 lunghezze.

Se la Rivoltana ha mostrato di saper mettere in campo le armi migliori per colmare questo gap nella domenica più importante, non da ultimo l'attaccante Divella, già giustiziere dei leoni all’andata con due gol, il Castelleone dovrà chiarire al meglio le proprie idee: al netto di alcune assenze, tra cui quella del febbricitante Cipelletti, il nutrito pubblico del "Dosso" ha spesso invocato i suoi fedelissimi, complici anche alcune prestazioni sottotono dei nuovi acquisti, forse condizionati dal momento negativo della squadra. 

 

 

Dopo il gol lampo di Divella, il Castelleone fatica a trovare trame di gioco, affidandosi invano a spunti dei singoli, mentre gli ospiti continuano a creare occasioni, reali e potenziali, con frequenti incursioni in area a sorprendere una fase difensiva distratta e pochi raccordi tra i reparti. Soltanto le provvidenziali parate di Saltarelli negano il raddoppio allo scatenato Divella.
I rivieraschi corrono molto e rischiano davvero poco, concedendo solo tre palle gol al Castelleone: al 44’, sul cross di Bianchessi dalla destra, Roncalli mette a lato di testa; bisogna arrivare, dopo una punizione alta, addirittura al 91' per un'altra vera opportunità locale, con Elhaddad pronto a riscattare la prestazione non positiva con il gol, ma trova la strada sbarrata da Kasyan. Al minuto 92 il gol annullato a Sacchi, che aveva insaccato il pallone sugli sviluppi di un corner per poi vedersi l'urlo liberatorio strozzato in gola dalla terna.
L'ira funesta di tifosi, dirigenti e giocatori non ha mutato la decisione e potrebbe comportare alcune squalifiche per proteste.

Per i gialloblù, domenica la trasferta in casa della Tritium, poi si tornerà al Dosso per affrontare la capolista Codogno, mentre seguiranno le sfide sul sintetico di Romanengo, quella interna con la Paullese e l'atteso derby, sfida che i gialloblù non vincono da diverso tempo.
La Rivoltana torna da Castelleone con una nuova consapevolezza, da spendere nelle prossime gare: Casalmaiocco e Real Melegnano ci diranno se i rivieraschi hanno davvero voltato pagina.

 

 

Anche la Soresinese non sta attraversando un grande momento: rossoblù ancora k.o., stavolta in quel di Settala, a secco di punti nel 2018 e scivolati sino al sestultimo posto, ultimo piazzamento utile per la salvezza diretta, ma tallonati da redivive avversarie. La permanenza nella categoria è un obiettivo da conquistare.

La Settalese si mostra affamata di punti e approccia meglio al match: dopo solo un minuto di gioco arriva già vantaggio dell'ex Luisiana Granata, seguito al 18' del secondo tempo dalla rete dell'ex Rivoltana Alloni. Il frizzante tandem offensivo giallorosso è altamente incisivo, mentre è troppo tardiva la risposta della Sore, a segno al 91' con Guerini Rocco. Pensare che i ragazzi di mister Tassiero avrebbero la clamorosa palla del pareggio, ma la traversa nega la gioia del gol a Spinelli proprio al 96', nel cuore dell'ultimo disperato assalto soresinese.
Delicata la situazione rossoblù: domenica prossima la Sore ospiterà il Tribiano secondo in classifica.


Un ottimo punto che tiene comunque dietro gli avversari.

In buona sostanza è questo ciò che si è preso il Romanengo con lo 0-0 sul campo dell'Acos Treviglio: i giallorossi difendono il 5° posto dall'attacco dei trevigliesi, attualmente alla 6^ piazza a -1, ma la lotta playoff sarà serratissima sino all'ultima giornata. 

Equilibrio sovrano nella provincia bergamasca, dove i ragazzi di mister Scarpellini hanno mantenuto un atteggiamento organizzato e quadrato nella prima frazione, provando a centrare l'intera posta in palio nella ripresa: sono di marca romanenghese le migliori occasioni del match, griffate dalla traversa colpita da Vaccari e dall'incornata di Porcu, terminata di un soffio a lato. Ultimo sussulto della gara è rappresentato dal match-point fallito dai locali allo scadere: per i giallorossi sarebbe stata una beffa immeritata.

Ora testa alla sfida infinita col Basiano Masate: complice gli incroci pericolosi Paullese-Acos, Sore-Tribiano e Codogno-S.Giuliano che sia quella del definitivo assalto alle prime posizioni?

Tiramisù