CREMA 1908. Non basta il cuore: i nerobianchi cadono con la capolista Pro Patria

I bustesi si impongono solamente 0-1 al Voltini, con un colpo di testa di Gucci, in occasione di una punizione contestata. In attesa della conferma della guida tecnica, ecco il ritorno di Giulio Rossi, stavolta nelle vesti di DG
Di Redazione | Martedì, 06 Febbraio 2018 12:09
Foto Giordano per Crema 1908
 
Poca fortuna per il Crema, che lotta e si presenta in campo contro una delle squadre più forti del campionato con l’atteggiamento giusto, grintoso e combattivo per tutti i 90 minuti. Partita decisa da un episodio, con l’ennesimo gol subito dai nerobianchi su palla inattiva.
Non basta il cuore ai nerobianchi, che incassano il gol partita in occasione di un contestato calcio di punizione, concesso al 60' per un dubbio contatto di Stankevicius: dal piazzato, il cross e il colpo di testa di Gucci, per lo 0-1 che non cambierà più.
Tante le recriminazioni arbitrali per i padroni di casa, che lamentano l'eccessiva penalizzazione con cartellini gialli unicamente al proprio indirizzo, ma la capolista regge nel finale e viola il "Voltini".
 
Resta la soddisfazione per una buona prova dei nerobianchi: la carica di Giacomo Ferri e la figura di Filippo Giuliani sembrano aver portato un contributo positivo alla squadra.
Ora bisognerà capire la decisione ufficiale sulla guida tecnica da parte della società: il turno di riposo vedrà i nerobianchi di nuovo in campo tra due settimane e questo periodo potrebbe essere quello ideale per scegliere come puntare alla salvezza diretta.
Nel frattempo, ecco già una notizia ufficiale: la società annuncia il ritorno di Giulio Rossi, già Direttore Sportivo del Crema 1908 fino alla scorsa stagione, che riabbraccia i colori nerobianchi nelle vesti di Direttore Generale, raccogliendo l'eredità di Massimiliano Gnatta.
Preludio ad altre novità in casa cremina?
 
 
Il primo colpo della partita lo batte il Crema, con Porcino che al 10’ allunga di testa per Pagano, ma il pallonetto su Mangano è parato in allungo dal numero uno ospite. Al 14’ ancora pericolosi i nerobianchi: palla spiovuta in area dopo il calcio di punizione di Mantovani, Pagano raccoglie e cerca il tiro, che viene respinto. Cresce poi la Pro Patria, che al 15’ si fa vedere in avanti con un colpo di testa, sugli sviluppi di calcio d’angolo, prontamente parato da Marenco. Si continua all'insegna dell'equilibrio: al 24’ bel pallonetto pericoloso di Le Noci da fuori area, senza fortuna; al 27’ ottimo pallone recuperato da Pagano per Ogliari, ma il suo bel cross al centro è alto di un soffio per Bahirov. Ancora due belle parate di Marenco prima del duplice fischio dell’arbitro: al 30’ su tiro ravvicinato, e al 43’ su punizione.
 
Nel secondo tempo il ritmo di gioco si mantiene sempre alto, con il Crema 1908 che tiene testa e battaglia alla pari con la capolista. Certo, ci sono meno occasioni pericolose vicino alla porta, ma ai cremini va benissimo così. Al 15’ l’episodio che decide la partita: Stankevicius anticipa l’avversario, ma secondo l’arbitro commette un fallo, addirittura meritevole del cartellino giallo. A nulla valgono le proteste nerobianche, giustificate dal fatto, ma anche dalla conseguenza beffarda: Le Noci mette in mezzo la punizione e Gucci di testa la gira in porta per lo 0-1 che deciderà il match. I nerobianchi, infatti, si scuotono, ma palesano ancora difficoltà a graffiare negli ultimi 16 metri. Al 19’ ci riprova Pagano, ma il suo tiro da distanza ravvicinata viene parato. Al 31’ occasione per il Crema, con una pennellata di Erpen su punizione, terminata alta di pochissimo. Al 44’ pallone pericoloso messo al centro da Erpen, ma la sfera si impenna, e sulla ripartenza nasce addirittura un'occasione per Gucci, il cui tiro finisce fuori di poco. 
 
 
Finisce così la partita, con un Crema sconfitto, ma a testa altissima: i nerobianchi hanno mostrato un bel gioco, come apprezzato dal presidente Zucchi, ancora una volta catalizzatore dellaconferenza stampa:
«Abbiamo visto una partita in cui si è lottato contro una squadra fortissima. Ho visto aggressività in campo, e questo è l’atteggiamento che mi piace. Purtroppo abbiamo preso l’ennesimo gol su calcio piazzato; ma ciononostante sono soddisfatto per l’atteggiamento della squadra e ringrazio tutti per l’impegno messo. È stata un settimana complicata, con le dimissioni di Lucchetti, verso il quale mi sento di esprimere tutto il mio ringraziamento non solo per il lavoro fatto, ma per generosità e per il grande senso di responsabilità». Sull’errore arbitrale il presidente glissa: «L’arbitro è anche lui un dilettante e commette errori come tutti. Purtroppo in questa circostanza l’errore ha permesso la punizione da cui è nato il gol. Ma non voglio colpevolizzare nessuno».
Ora occhi puntati sulla Coppa Italia, con la partita contro la Grumellese di mercoledì prossimo. 
 
 
SERIE D - Girone B
 
CREMA 1908 - PRO PATRIA 0 - 1
15’ st Gucci
 
CREMA 1908: Marenco, Donida, Arpini, Scietti, Pagano, Mantovani (10’ st Erpen), Stankevicius, Ogliari (38’ st Ferrario), Mandelli, Porcino, Bahirov.
A disposizione: De Bastiani, Gomez, Capuano, Gibeni, Ferretti, Matei, Dell’Anna.
Allenatore: Filippo Giuliani. 
 
PRO PATRIA: Mangano, Cottarelli (41’ st Marcone), Scuderi (30’ st Chiarion), Pettarin, Molnar, Zaro, Colombo, Di Sabato (13’ st Pedone), Gucci, Le Noci (38’ st Gazo), Galli (21’ st Arrigoni).
A disposizione: Guadagnin, Mozzanica, Ugo, Ghioldi.
Allenatore: Ivan Javoric.
 
Arbitro: Sig. Stefano Belfiore.
Assistenti: Sig. Daniele Alibrandi e Sig. Simone Corradini. 
Ammoniti: Scietti, Donida, Mandelli, Stankevicius, Cottarelli, Marcone, Porcino
 
Tiramisù