TERZA. Derby sul Serio e Deep Impact: domani le prime 8 si affrontano tra di loro

Le big vincono tutte e la lotta playoff è sempre più calda. Domenica BOLLENTE di scontri al vertice: Sergnanese-Casale, Ripaltese-Agnadello, Vaiano-Paderno e Santos-Salvirola 

Di Redazione | Sabato, 24 Febbraio 2018 09:25

A cura di Massimo Silvani

 

Mai prima d’ora era successo di vedere tutte le sette sorelle uscire vincitrici la stessa giornata.

Sembra proprio di aver fatto un salto nel tempo negli Anni '90, molto in voga in quest’ultimo periodo, nella moda e nel tubo catodico, quando il massimo campionato italiano vantava di 7 squadre in grado di tracciare il solco alle loro spalle. Grandi momenti per il calcio italiano che, anche se in piccolo, questa Terza Categoria sta tentando di farci rivivere. Sarà grande spettacolo fino al termine, con una lotta al vertice non ancora chiusa ed una lotta per la post season letteralmente incandescente.

Domenica bestiale, come cantava un famoso spot dell’epoca, per le grandi.

Scandisce il passo la capolista Casale che, pur con qualche difficoltà, stende il Trescore grazie agli acuti di Balacchi e Cassani. Un vero colpo  da 90 il neo acquisto del team di Riluci, discreto il suo impatto in questo inizio ritorno, si ripete dopo la rete importantissima di Vaiano, raddoppio firmato da Cassani, uno che negli anni novanta aveva forse già messo il suo timbro, seppur giovanissimo, e non pare voglia smettere di farlo. I giovani gialloblu non riescono ad avere ragione di una delle squadre più esperte del torneo i cui interpreti, a fine gara, avrebbero avuto ragione di dire che in fondo “ma che ne sanno i 2000?!”. Soprattutto perché la rete della bandiera la sigla Tavani, altro evergreen che non passa mai di moda.

Excelsior che si riprende alla grande dopo la doccia fredda della settimana precedente.  Successo ottenuto grazie ai giovani Polloni e Bassani, nati sul finire del ventesimo secolo, che  trascinano i gialloblu verso la vittoria. Non sembra intendano mollare i vaianesi, ma pur continuando a vincere hanno bisogno di alleati che stendano la capolista.

Ci proveranno sicuramente nel prossimo turno i cugini della Sergnanese che bissano il successo contro il San Carlo, con l’importante vittoria in casa della Madignanese. Non improbo l’impegno, ma  fondamentale per classifica e morale. Vedremo nel big match di domenica se mister Beretta avrà trovato definitivamente la quadratura perfetta e se, proprio i rivali storici sapranno far sognare nuovi epiloghi in vetta. Il recupero di due pilastri come Mazreku e Zanetti, non a caso in rete quest’ultima domenica, daranno nuova linfa alle Mucche Pazze. Bollentissima sarà l’atmosfera a Sergnano, per un derby che ricorda gli antichi fasti di questi paesi.

Salvirola a forza 4! Come il famosissimo gioco in scatola i ragazzi di Bosi si impongono su una Iuvenes in emergenza e parecchio nervosa. Bonizzoni e Pandini infilzano due volte a testa la porta di Facciolla. L’esterno Padovani e la grande rete di Fusar Bassini allevia il dolore ma sa molto di occasione persa avendo giocato più di un’ora in superiorità numerica senza sfruttarla, a causa di eccessivo ed ingiustificato nervosismo tra i suoi giocatori.

Altro snodo importante a Ripalta Cremasca, i locali guidati da Zucchetti cercheranno di sfruttare nuovamente il campo amico per aver ragione del coriaceo Agnadello di Ivo Sacchi. Umori opposti alla vigilia con i rossoverdi che tornano alla vittoria grazie agli esterni Freschi e Greco, valori aggiunti in zona gol che permettono alla Ripaltese di sopperire alle assenze dell’ormai lungodegente Cattaneo. Ancora in rete Beacco per l’Oratorio Castelleone, che ha ormai abbandonato i sogni di gloria.

Sconfitta casalinga per l’Agnadello, sorpresi incredibilmente dall’Acquanegra che si impone grazie alla doppietta di Edoardo Zorza, altro giovane anni 90 da tenere sott’occhio che, frenati gli eccessi comportamentali, sta contribuendo alla scalata della propria squadra. Battuta d’arresto che frena la cavalcata giallonera, dopo l’ottimo inizio di 2018. La forte personalità di Sacchi si sarà sicuramente fatta sentire in settimana e la squadra non si presenterà certo docile in campo domenica.

Chiude la kermesse delle grandi il Paderno. Potremmo dire un vivace fuori moda visto che nella formazione cremonese gli anni 90 non sono particolarmente contemplati, ancora vivi i più colorati anni 80 ed anche qualche nato nei più fervidi 70. Vintage forse, ma dannatamente vincente. Ancora tre punti capitali per i granata, steso il San luigi Pizzighettone. Porta blindata e reti di Manzoni, che si ripete dopo la doppia di Capergnanica e Picetti, perché anche da loro qualche 90 ci tiene a far sentire la sua presenza.

Chiude la giornata il derby di Crema. Frassati e San Carlo sono lontane dalle zone chiave della classifica ma nella conca di San Bernardino è stata battaglia. Decide la rete di Essis, probabilmente il giocatore più talentuoso in campo. Brusco stop dei ragazzi di Gruppi che sembravano in gran forma dopo i risultati prestigiosi contro Agnadello e Ripaltese, il San Carlo compie altri tre passi fondamentali per allontanarsi della zone basse della classifica. Per loro la paura sembra non far più 90.

Tiramisù