CREMA 1908. Educazione Siberiana: vittoria nella neve!

Colpo gobbo dei nerobianchi, che confermano la crescita della gestione Bressan imponendosi per 0-2 sul campo della Virtus Bergamo. Soffia il ciclone Burian, segnano Stankevicius e Bahirov: venti dell'Est! Una vera impresa

Di Redazione | Lunedì, 26 Febbraio 2018 16:21

Foto Giulio Giordano per A.C. Crema 1908

Un Crema agguerrito supera meritatamente per 0-2 la Virtus Bergamo al termine di una trasferta che ha regalato ai tifosi al seguito della squadra, nonostante le intemperie, una delle migliori partite della stagione crenina.

I miglioramenti della squadra con la gestione di mister Massimiliano Bressan erano parsi evidenti nel primo tempo della sconfitta con il Pontisola.
Domenica è arrivato anche l'agognato conforto del risultato: con questa vittoria prestigiosa, la classifica del Crema 1908 migliora visti i risultati delle dirette concorrenti, che comunque hanno una duplice lettura.

La Grumellese resta a distanza, ma dà segnali di vita con il successo a Lumezzane e non guadagna terreno.
I nerobianchi rosicchiano due punti al Trento, che però ha fermato sull'1-1 il Ciliverghe: risultato non da poco.
Grazie al ko dello Scanzorosciate i cremini mettono la testa fuori dai playout, ma i bergamaschi hanno ceduto il passo al Rezzato capolista solo 0-1 tra le mura amiche.
E il Ciserano, prossimo avversario, si conferma efficace, centrando i tre punti con la Romanense fanalino di coda.

Una domenica molto positiva, insomma, ma la salvezza passa da un mese infuocato: la speranza è che i venti dell'Est continuino a soffiare nella direzione di Crema.

Su un campo reso insidioso dalla neve, dal pantano creato dai solchi delle corse e con una temperatura prossima allo zero, mentre soffia il ciclone Burian, non potevano che deciderla Marius dalla Lettonia e Stanislav dalla Romania.

 

 

I nerobianchi passano in vantaggio con la punizione-bomba di Stankevicius al 37' del primo tempo, resistono all’assalto furioso della Virtus e raddoppiano nel secondo tempo con Bahirov. Molto efficace il lavoro di Erpen, Mandelli e Tonon sulla linea di centrocampo. La difesa non ha commesso errori e l’attacco non ha mancato l’appuntamento con il gol, per la soddisfazione del presidente Enrico Zucchi: «La squadra mi è piaciuta e ho apprezzato lo spirito combattivo che il gruppo ha saputo esprimere insieme ad una capacità di gioco molto solida. Credo che il Crema possa trovare una continuità positiva proprio sulla base di una prestazione come questa. La classifica non ci consente distrazioni anche se temporaneamente non siamo più nella zona play out. Dobbiamo lavorare molto per affrontare le sfide impegnative che ci aspettano a partire dal prossimo turno di Coppa Italia. Fatica, umiltà e sacrificio: sono queste le parole d’ordine».

 

 

La Cronaca

Il Crema è da subito molto determinato, ma è la Virtus a farsi pericolosa impegnando al 3’ Marenco con Pllumbaj. Risponde subito Bahirov, dopo un dialogo impeccabile tra Erpen e Pagano, ma il suo pallonetto è alto di poco sulla traversa. All’11’ Erpen, servito da Porcino, spedisce la palla fuori di poco a lato del secondo palo. Al 17’ occasione per la Virtus con Espinal, che manca di poco la porta di Marenco. Ed è sempre l’estremo difensore nerobianco a respingere al 19’ il tiro di Flaccadori. Al 24’ Pagano si coordina e spara in porta da fuori area: miracolo di Colleoni che salva il risultato. Al 25’ ci prova Ogliari dalla trequarti, seguito dalla reazione dei padroni di casa con il solito Pllumbaj, che tenta il pallonetto per sorprendere un Marenco eccessivamente staccato dai pali, ma il tiro non centra il bersaglio. Al 34’ cartellino giallo ai danni di Probo per un brutto intervento su Mandelli. Al 37’ bolide di Stankevicius su punizione: la palla si stampa nel sette alle spalle di Colleoni. Nulla da fare per l’estremo difensore bergamasco e palla in rete per lo 0-1 mantenuto sino all'intervallo. 

Nella ripresa all’11’ un ottimo intervento di Marenco, poco dopo fa soffiare sul pallone girato di testa da Pllumbaj, fuori di pochissimo. Il forcing locale viene però freddato al 26’ dal Crema, che raddoppia: Erpen si proietta nell’area avversaria, lotta con i difensori e riesce a servire Bahirov in arrivo dalla parte opposta; tiro dell’attaccante nerobianco con il pallone che finisce in rete, per lo 0-2 che vale un'ipoteca sul match. Al 40’ Germani prova la soluzione personale, ma il tiro si conclude all’esterno della porta. La partita prosegue con ritmi elevati e scontri fisici soprattutto nella zona della metà campo. Molto i cambi nelle fila della Virtus, ma il risultato rimane inalterato fino al termine del recupero dopo il novantesimo. 

 

 

SERIE D - Girone B

VIRTUS BERGAMO –  CREMA 1908 0 - 2
37’ pt Stankevicius, 26’ st Bahirov

VIRTUS BERGAMO: Colleoni, Alborghetti, Capitanio, Marzupio, Riva, Meregalli, Pllumbaj (35’ st Lizzola), Espinal, Monni, Probo (25 st Mistar), Flaccadori (25’ Germani).
A disposizione: Maggioni, Pellegrini, Martinelli, Mister, Bastioni, Finco, Germani, Lizzola, Signorelli.
Allenatore: Armando Madonna. 

CREMA 1908: Marenco, Donida, Scietti, Pagano, Stankevicius, Ogliari, Erpen (32’ st Gomez), Mandelli, Porcino, Bahirov, Tonon (40’ st Capuano).
A disposizione: De Bastiani, Arpini, Gomez, Mantovani, Capuano, Gibeni, Matei, Dell’Anna, Ferrario.
Allenatore Massimiliano Bressan.

Arbitro: Sig. Adolfo Baratta.
Assistenti di Linea:  Sig. Maurizio Patruno e Sig. Emanuele Barletta.
Ammoniti: 34' pt Probo.

 

 

 

 

Tiramisù