CREMA 1908. Match un po' nero e un po' bianco: è però un punto d'oro

L'1-1 col Caravaggio mette in mostra un'ottima fase difensiva per i cremini, ma palesa sempre lacune in avanti: dopo il penalty-lampo di Erpen con cucchiaio, i bergamaschi prima pareggiano con Lella, poi cercano la vittoria con più ritmo

Di Redazione | Martedì, 13 Marzo 2018 15:12

A cura di Luca Bozzetti - Foto Giordano per Crema 1908


La squadra di mister Bressan pareggia 1-1 al “Voltini” contro un buon Caravaggio. Vantaggio sprint con il penalty di Erpen. Dopo il pareggio di Lella la sfida si trasforma in una vera e propria battaglia nella pioggia da cui nessuno esce vincitore. Nonostante le grandi occasioni avute nella seconda frazione di gioco prima da Vezzoni e poi dal grande ex Tomas, gli ospiti non riescono a scalfire la grande resistenza dei locali, che giocano con grinta e carattere nonostante l’assenza di Stankevicius, out per infortunio.

Se la fase difensiva cremina sembra essere un buon punto su cui puntare per la lotta salvezza, non si può dire lo stesso per la fase offensiva: opache le prove di Erpen e Bahirov, che non aiutano Pagano lasciato troppo solo in avanti.

Le prossime gare saranno cruciali per i nerobianchi: prima la sfida di Coppa Italia di mercoledì a Gozzano, poi il turno di campionato con lo scontro diretto per la salvezza di Lumezzane in programma domenica.

 

 

 

LA CRONACA 

Nel piovoso pomeriggio del “Voltini” il Crema sfida un Caravaggio dai risultati altalenanti.
E per gli orobici la strada si mette presto in salita: i nerobianchi partono forte e già al 6’ Bahirov viene steso in area, procurandosi un calcio di rigore. Il penalty vale l'1-0, firmato da Erpen: trasformazione perfetta con il cucchiaio e vantaggio immediato per i padroni di casa.

Il Crema nei primi istanti di gioco aggredisce gli avversari nella propria metà campo, passando da un 4-3-1-2 in fase offensiva ad un 4-2-3-1 quando l’azione si trasforma in difensiva. Nel 4-3-3 degli ospiti spicca invece l'ex Tomas: il numero 11 si rende pericoloso più volte partendo da sinistra e in una di queste sortite, al minuto 23, crea il primo spavento agli ex compagni. Una gran giocata gli permette di arrivare a pochi metri da Marenco, il tiro però è troppo debole e non porta all'esito sperato.

Il Caravaggio non disdegna però nemmeno la fascia destra: sul lato opposto a Tomas c’è Crotti a rendersi insidioso dieci minuti dopo, servendo un filtrante perfetto in area; sul pallone si avventa il centravanti Lella, che non sbaglia: il suo destro a incrociare batte il giovane portiere nerobianco, riportando in parità il match. Al 34' è 1-1.

 

 

 

Dopo il pareggio, i padroni di casa si riversano orgogliosamente in avanti alla ricerca del gol: break di Porcino al 40’, palla recuperata sulla trequarti e servita a Erpen, il cui tiro finisce alto non di molto. Questa l'ultima emozione di un primo tempo che ha visto in campo un Crema 1908 volitivo.

Nel secondo tempo si riparte con la stessa intensità della prima frazione: ancora Crotti a guidare l’avanzata degli ospiti. Al 52' il numero 10 biancorosso si inserisce in area, impattando un cross basso dalla destra, non trovando però il gol del vantaggio. Nella ripresa i nerobianchi non riescono a dar seguito alla buona prima frazione e vengono progressivamente travolti dall’intensità del Caravaggio, che alza il ritmo e il baricentro, stazionando regolarmente nella metà campo cremina.

Mister Bressan prova a porre rimedio a questa situazione inserendo Gomez togliendo un Erpen che, dopo il rigore del vantaggio, non è riuscito a ingranare nel corso della gara.
La situazione, in realtà, cambia di poco perché il Caravaggio è a tratti scatenato: l'asse Crotti - Tomas si rende ancora pericoloso al 70', con una giocata fotocopia del gol del pareggio, ma il numero 11 si fa ipnotizzare da Marenco, bravo a chiudere lo specchio.
La girandola di cambi e l'infortunio occorso al portiere ospite Tognazzi, uscito in barella dopo attimi di spavento e una sosta significativa prima della ripresa del gioco, abbassano la pressione del Caravaggio: nel finale gli ospiti ci provano con alcune conclusioni da fuori area e qualche cross velenoso, respinto ottimamente dai difensori del Crema 1908. Nemmeno l’entrata nel finale di Joelson riesce a dare la scossa agli ospiti: la sfida termina in parità e Crema che prosegue la sua striscia positiva dopo la vittoria di Bergamo.

 

SERIE D - Girone B

CREMA 1908 - CARAVAGGIO 1 - 1
6' pt Erpen rig., 34' pt Lella

CREMA: Marenco, Donida, Arpini, Scietti, Pagano (45’ st Capuano), Ogliari, Erpen (21’ st Gomez), Mandelli, Porcino, Bahirov, Tonon.
A disposizione: De Bastiani, Restuccia, Mantovani, Gibeni, Stankevicius, Matei, Dell’Anna.
Allenatore. Massimiliano Bressan.
 
CARAVAGGIO: Tognazzi (22’ st Dominici), Alushaj, Mangili, Moreo (45’ st Redaelli), Ghidini, Zanola, Vezzoni (39’ st Careccia), Lamesta, Lella (45’ st Joelson), Crotti, Tomas (32’ st Murati).
A disposizione: Buzhala, Tremolada, Iafreni, Baldrighi.
Allenatore.: Marco Bolis
 
Arbitro: Sig. Andrea Calzavara.
Assistenti: Sig. Kevin Mazzucchi e Sig. Egidio Marchetti.
Ammoniti: Porcino, Moreo
 
Tiramisù