AMATORI COPPA. Tutti in campo per gli Ottavi di Finale: stasera e domani per continuare il sogno

Mercoledì 14 e Giovedì 15 Marzo, si giocheranno le gare a eliminazione diretta che valgono un posto ai Quarti di Finale: fischio d'inizio su tutti i campi alle ore 21.00!

Di Mauro Carioni | Mercoledì, 14 Marzo 2018 15:49

CSI CREMA - AMATORI - Open a 11

COPPA - MEMORIAL "GIOVANNI PAULLI"

 

OTTAVI DI FINALE 

Mercoledì 14 Marzo - Ore 21.00

ROMANENGO - GRAFFIGNANA

QUINTANO - SONCINO

CREMOSANO - SPORTING CHIEVE

PICCHIO SOMAGLIA LODI - REAL CASAL


Giovedì 15 Marzo - Ore 21.00

TICENGO - FIDELIS SAN CARLO

EXCELSIOR VAIANO - MONTE CREMASCO

CRESPIATICA - IZANO

SPINO - REAL SAN BERNARDINO

 

Tempo di Ottavi di finale nella Coppa di Calcio a 11 targata CSI Crema: questa sera e domani sera infatti, con inizio sempre alle ore 21.00, le sedici squadre rimaste nella competizione dalle 51 iniziali daranno vita alle sfide che dovranno decretare le magnifiche otto del torneo, per una lotta che si fa dunque sempre più difficile e competitiva.

In super sintesi: un grandissimo Real Casal nei Sedicesimi elimina il Pandino di Eccellenza e adesso proverà a bissare l'impresa nella lodigiana Somaglia. Super-manita del Monte nella tana dell'Fma: ora sfida stellare a Vaiano contro i campioni in carica, qualificati col brivido. Uscita-shock dei finalisti 2017 dell'A.C Crema: a sfidare l'Izano sarà il Crespiatica. Solita maledizione-Coppa per la Capralbese, eliminata dallo Spino, che attende il S. Bernardino 

 

E sicuramente ad attendere maggiormente questo appuntamento è il Real Casal, la vera super-sorpresa del precedente turno di Coppa, ovvero i sedicesimi di finale: è dei gialloverdi infatti l'autentica impresa d'autunno, con la formazione di Ubbiali, compagine di Promozione, che stende addirittura per 2-0, eliminando quindi di conseguenza dalla manifestazione, un team di categoria superiore come il Pandino, arrivato oltretutto nella passata stagione fino alla semifinale prima di essere estromesso dall'A.C. Crema, curiosamente proprio con lo stesso identico punteggio. Un colpaccio dunque per la società nata dalla fusione tra le realtà di Casale Cremasco e Casaletto Vaprio, che gela nella ripresa i bianco-oro, clamorosamente out in netto anticipo, e vola agli Ottavi dove stasera viaggerà in terra lodigiana alla volta di Somaglia alla ricerca di un'altra serata da ricordare nella tremenda tana del Picchio.

Colpi anche per Monte Cremasco, Sporting Chieve e Spino, ma il capolavoro, e non solo per il punteggio maturato, è quello dei muccesi, che dominano sul campo nientepopodimenoche della capolista del Girone A di Eccellenza, cioè dell'Fma Lodi, facendo fuori i neroverdi dalla competizione con un travolgente 2-5: cinque marcatori diversi per i biancorossi, a dimostrazione di quanto il trionfo di Borgo San Giovanni sia stata una vera e propria sinfonia di squadra. Passaggi del turno da incorniciare comunque anche per biancazzurri e rossoblu: i primi espugnano Ombriano ai rigori, condannando così l'Aurora a una cocente delusione, dopo lo 0-0 dei 70' regolamentari, mentre è lo Spino il team-giustiziere quest'anno della Capralbese, la quale non riesce quindi proprio a spezzare questa maledizione della Coppa che anche stavolta, come sempre purtroppo per i colori nerazzurri, resta inevitabilmente stregata.

Oltre a quello del Monte, successi cremaschi nei "derby" contro le lodigiane anche per Soncino e Cremosano in scontri d'"Eccellenza", e per Romanengo in uno di Promozione: doppio 2-1 gialloblù contro Laus e Cervignano, mentre Grechi regala invece un finale da urlo ai giallorossi a Bargano, firmando negli ultimi 10' la doppietta che ghiaccia i biancazzurri e manda in estasi la compagine di Benelli.

Sempre sfide di pari categoria, ma tutte tra cremasche, quelle che vedono qualificarsi i padroni di casa del Ticengo e della Fidelis San Carlo a dispetto di Sergnanese e Rovereto in "spareggi" d'Eccellenza, e quelli dell'Izano a discapito della Dinamo Crema: ma sono brividi di paura per i gialloblù, che rischiano una incredibile eliminazione con i blues, strappando letteralmente il passaggio del turno sola alla lotteria dal dischetto. Beffa dunque per i ragazzi di Tare che sfiorano un pazzesco risultato, ma rimane comunque la strepitosa figura fatta al cospetto di una delle squadre più attrezzate non solo della categoria, ma proprio del suo medesimo girone.

Se gli exploit sono quelli del Real e del Monte, la più grossa delusione arriva invece dal "San Luigi" di Crema, dove i locali dell'A.C. Crema, peraltro finalista perdente lo scorso fine maggio al "Voltini", vengono sorprendentemente esclusi dal torneo dal Crespiatica, formazione della categoria inferiore: i rosanero passano 0-1 infliggendo ai cremini loro malgrado il ruolo di protagonisti del maggior colpo di scena (in negativo ovviamente) dei sedicesimi della manifestazione.

Bruciante e prematura fuoriuscita quindi dei finalisti della scorsa edizione, al contrario invece dei loro avversari, vale a dire i campioni in carica dell'Excelsior Vaiano, che pur tremando anche loro andando terribilmente ad un passo dai tiri dal dischetto contro il Ricengo di Promozione, la sfangano ad un minuto dal 70' proprio con un rigore di Pozzi, che evita un altro possibile pesantissimo crollo nei sedicesimi e salva i detentori tenendoli quindi in corsa.

Pronostico dunque rispettato, seppur a fatica, per i biancoverdi, così come per il Quintano e, ahinoi, per Offanengo e Castelnuovo, tra l'altro tutte curiosamente legate a un poker: i giallorossi infatti annichiliscono con due gol per tempo e tutte griffe differenti (esattamente come il Monte) il Werder Crema di categoria inferiore, tanto quanto neroverdi e biancoverdi, anch'essi di Promozione come i rosanero, non possono nulla rispettivamente a Graffignana e contro il Picchio Lodi, entrambe compagini di Eccellenza. Il team di De Nicolò resiste metà partita sul campo della capolista del Girone C andando al riposo in equilibrio grazie a Palermo prima di crollare 4-1 nella ripresa, zero totale invece per i ragazzi di Vaiani nel match senza storia della "Pierina", andato in archivio con un eloquente 0-4. Tra le cremasche, aveva già vinto in precedenza il Real San Bernardino, che si era imposto per 2-0 sulla Pianenghese in un match a forti tinte Orange.


Tra stasera e domani sera dunque le sedici squadre rimaste si daranno battaglia per restare in gioco e continuare quindi il cammino nella competizione: su tutti il big-match è naturalmente il big-match di Vaiano tra l'Excelsior campione in carica e il Monte Cremasco, le prime due in classifica del Girone B di Eccellenza che oltre a combattere in campionato dovranno ora dare tutto in questo dentro o fuori che non ammette repliche. In ogni caso sarà una notizia qualunque formazione delle due terminerà qui la sua avventura.

Scontri di pari categoria, e quindi apertissimi, anche in Ticengo-Fidelis San Carlo e Spino-Real San Bernardino, mentre sono repliche proprio delle sfide di campionato, nello stesso modo di Vaiano-Monte, anche Quintano-Soncino e Cremosano-Sporting Chieve per quanto concerne l'Eccellenza, e Crespiatica-Izano per quel che riguarda invece la Promozione. Sembrano sbilanciate invece, purtroppo per le "nostre", Romanengo-Graffignana e Picchio Lodi-Real Casal: ma lo erano anche nei Sedicesimi...

 

 

 

Tiramisù