TERZA. I Soliti Noti: Maltempo e Casale protagonisti! Sarà una Primavera intensa

Prepotente 5-1 ad Acquanegra e vittoria nel big-match contro la Ripaltese per la capolista. Solo due pareggi per l’Excelsior: vetta a 12 lunghezze. Ancora tre gare rinviate e altri recuperi

Di Redazione | Domenica, 25 Marzo 2018 10:11

A cura di Massimo Silvani

L’onda lunga del maltempo colpisce ancora il Campionato di Terza Categoria. Le  gare rinviate iniziano ad essere troppe, per una Primavera che sarà di fuoco. E se le temperature non riscaldano, ci penserà l’agenda ricca di impegni ad infiammare il finale di stagione. Si può inserire l’incognita recuperi nel finale di stagione. Giocare ogni tre giorni in un momento così delicato, dove recuperare energie è fisiologicamente più importante del solito, ed i valori tecnici possono ulteriormente esser messi in discussione.

Quasi scontato il rinvio in conca, su un campo sfruttato alla grande in settimana e dal fondo non particolarmente drenante. Meno ovvio il rinvio a Sergnano dove è sembrata determinante la volontà del direttore di gara più che l’effettiva impossibilità di disputare la gara, sarebbe stato importante per i ragazzi di Beretta giocarsi la gara col Paderno, invece dovranno inserire un ulteriore recupero in un mese che li vedrà affrontare Salvirola ed Excelsior in due gare dall’elevatissimo peso specifico. Non reiste nell’ultimo weekend nemmeno il nuovissimo manto erboso di Caperganica, la sfida con il Trescore sarà da rigiocare.

Maltempo che non rallenta la macchina  Casale, che ormai sembra accelerare gara dopo gara. Vero che molti puntavano sul sole come primo avversario per i gialloverdi e pare debbano cercare altri alleati quest’anno, ma il campo d’Acquanegra non era certo una gita di piacere per gli uomini di Riluci. Straripante il 5 a 1 con cui archiviano la pratica: doppia per Cozzolino accompagnano da Tarenghi, Balacchi e Braguti, un altro “vecchietto” terribile, quasi quaranta le primavere ma il passo è ancora quello del giovincello! Braguti ex di turno nella successiva gara contro la Ripaltese, ma anche gli uomini di Zucchetti, protagonisti di un buon ritorno, si devono arrendere alla rete dello scatenato bomber Tarenghi, nessuno così decisivo in zona del gol nel 2018. Ospiti che recriminano per alcuni episodi sfavorevoli ma per battere il Casale serve di più. Oltre al danno la beffa per i rossoverdi, una protesta di troppo costa il rosso al gioiello Cavallanti, perdita importante la sua nelle prossime decisive gare.

Ripaltese che aveva comunque fatto bottino pieno una settimana prima, regolando la  Madignanese con una superba manita. Per il meraviglioso campo di Ripalta son solo un bicchier d’acqua i millimetri di pioggia scesi, si scatenano i locali: Polastri apre le danze, chiuse dalle doppiette di Lubrino e Freschi.

Excelsior sorprendentemente a rilento, La sosta forzata non è stata salutare agli uomini di Colucci, dopo gli importanti risultati di inizio ritorno, arrivano due pareggi che lasciano l’amaro in bocca. Pirotecnico 3 a 3 a contro la Iuvenes. Chiuso il primo tempo in vantaggio di due reti frutto di un autorete e dal timbro di Andrea Raimondi, rientrano scatenati i ragazzi di Venturi, un bel gol di Fusarbassini e la spaccata vincente di Magnani, riequilibrano il match, il centrocampista con vizio del gol Garbelli riporta in vantaggio i locali, ma nel recupero ecco Borra la doccia ben più gelida della copiosa pioggia scesa durante il match, Rancati sfrutta un’indecisione locale e calcia con un fantastico esterno da posizione defilata che si insacca nella porta giallo blu. Sarebbe l’impresa di giornata, ma c’è chi riesce a far meglio. Incredibile colpo del San Carlo ad Agnadello. Il funambolo Vigani ne fa tre, stendendo un Agnadello in crisi certificata. Ossigeno puro l’1 a 0 ottenuto in casa della Madignanese, i rigore di capitan Besozzi consente ai gialloneri di appaiare in classifica Ripaltese e Sergnanese. Tornando all’Excelsior, altro pari per i gialloblu sul campo di Pizzighettone, Colucci sistema la difesa ma la coperta rimane corta, è l’attacco a non pungere e la gara termina con un timido 0 a 0. La vetta ormai appare lontana, fondamentale però trovare vittoria e continuità in caso di post season.

Sergnanese con a disposizione un turno da recuperare, sarà difficile l’impegno contro un Paderno in scia alla quinta piazza, ma altrettanto golosa l’occasione di rubacchiare tre punti alle avversarie che staranno ferme a guardare. Intanto le mucche pazze tornano da Salvirola con un punto prestigioso. Potevano essere anche tre, ma il sorpasso firmato Riboli e Tassi dopo la rete iniziale di Bonizzoni, viene pareggiato a metà ripresa dalla rete del solito fondamentale Pandini. Salvirola che rimane pesantemente staccata dal vertice, 15 punti sono troppi anche per i più ottimisti, meglio concentrarsi sulla post-season ed al massimo puntare a metter 10 lunghezze tra se e la quarta per evitare almeno il primo turno.

Oratorio Castelleone che torna alla vittoria. 2 a 1, firmato Carubelli e Borra per aver ragione del San Luigi Pizzighettone, si avvicinano ai 30 punti i ragazzi di De Giuseppe, ma non riescono a raggiungerli a causa della sconfitta contro lo straripante San Carlo delle ultime giornate, Vigani mette ancora il timbro, completando la doppietta di Essis. Solo per la cronaca la doppietta di Carubelli, che si consola bissando la rete della settimana precedente.

Importantissimo successo per il Paderno la scorsa domenica, 3 a 2 contro una Frassati mai banale. Doppietta per Manzoni, altro giocatore che si sta rilevando piuttosto decisivo nel ritorno. Atteso con trepidazione il recupero contro la Sergnanese, con una vittoria i granata rientrerebbero a pieno titolo tra le pretendenti ad un posto playoff.

Sei giornate al termine oltre ai tre recuperi, si inizia col botto domenica: riuscirà l’Agnadello a dare ancora una speranza alle inseguitrici, avendo ragione del Casale?

Turno da non fallire per le inseguitrici, tutte impegnate contro formazioni che giocano ormai per la maglia. Attenzione però a non sottovalutarle, sono proprio queste gare le più difficili da interpretare, sfide in cui l’ansia da prestazione e l’ossessione dei tre punti può causare grosse difficoltà. Per le outsider una vetrina importante per mettere in mostra i propri talenti e chissà, giocare un brutto tiro alle big.

Dopo tutto, il campionato è anche nelle loro mani.

 

 

 

 

 

 

Tiramisù