CACCIA'S EYE. L'analisi di Luisiana - Orsa Iseo

La grande vittoria dei nerazzurri chiude un biennio strepitoso, caratterizzato dalla vittoria in Coppa Promozione e dalla salvezza in Eccellenza: il poker di Volpi conferma i pandinesi nella categoria. Ecco l'analisi del match a cura di mister Caccialanza

Di Redazione | Martedì, 01 Maggio 2018 08:35

Foto Maurizio Molaschi


A cura di Mario Caccialanza


LUISIANA - ORSA ISEO

Manca un punto, un solo punto, affinché questa società possa confermarsi nella categoria che mai, nella sua lunga storia, aveva affrontato prima di questa stagione: l’Eccellenza. Dopo un inizio in salita, 4 punti in 8 gare, i neroazzurri di Pandino hanno cambiato passo, 4 vittorie in 5 gare, portandosi a centro classifica. Si sono mantenuti al di fuori della lotta per la salvezza per tutto il girone di ritorno, ma hanno fallito il primo match point, quindici giorni fa, e oggi: manca un punto, un solo punto.

I bresciani dell’Orsa Iseo, avversari odierni, non possono fare regali. Hanno bisogno di punti, ancor più dei padroni di casa, a loro un solo punto potrebbe non bastare, in questa ultima giornata di campionato.


Primo Tempo

00′ – 15′   I bresciani, in completo giallo, battono il calcio d’inizio e si riversano nella metà campo avversaria. Faticano ad alzarsi i padroni di casa. Identica disposizione, sul terreno di gioco, per le 2 contendenti: 4-2-3-1. Scrollatasi di dosso la pressione avversaria, i neroazzurri cominciano a farsi pericolosi. Ottengono un primo calcio d’angolo dalla sinistra al 5° e sul conseguente traversone Pesenti, al volo, colpisce la traversa. Insistono i locali, non stanno certo a guardare i bresciani, a loro volta vicini alla conclusione. Buono il tiro di Volpi al 9°, fuori di poco. Al 12° Abbà avanza palla al piede, insiste, si libera sul fondo e lascia partire un cross al bacio: facile per Volpi appoggiare in rete, di testa, dalla breve distanza.
      Prima valutazione: Luisiana 10 – Orsa 5.

16′ – 30′   La partita è viva. I bresciani, palla a terra, cercano di rendersi pericolosi: buona la manovra, assenti le conclusioni a rete. Fanno buona guardia, dietro e in mezzo al campo, gli esperti giocatori neroazzurri. Il match è ora equilibrato.
      Seconda valutazione: Luisiana 7,5 – Orsa 7,5.

31′ – 45′   Tiro di Pedrocca dal limite, alto. Episodio decisivo al 35°. Buona azione dei locali sulla destra, palla dentro per Beretta che non riesce a liberarsi al tiro. Cerca di mantenere il possesso della sfera e finisce a terra. Fra lo stupore generale, il direttore di gara concede un calcio di rigore di manica larga. Volpi non si commuove e scaglia in rete la palla del 2 a 0. Gli ospiti subiscono il colpo, perdono di convinzione e si arriva senza ulteriori sussulti alla fine del primo tempo.
      Terza valutazione: Luisiana 7,5 – Orsa 7,5.

Valutazione al 45′: Luisiana 25 – Orsa 20

 

 

 

Secondo Tempo

46′ – 90′   Ripresa dal copione scontato. I bresciani operano un cambio, spostano la posizione di alcune pedine e spingono alla ricerca del gol che riaprirebbe il match. I locali rimangono bassi, tranquilli, in attesa dell’avversario. Marinoni sfiora la rete con il classico cross sbagliato. Cresce la pressione degli ospiti. Vavassori è attento, su una velenosa traiettoria da calcio d’angolo. Un tiro di Pedrocca esce di un niente. Conclusione di testa dalla breve distanza: Vavassori risponde alla grande. Nuovo intervento del portiere neroazzurro, su un tiro dall’interno dell’area. Si esaurisce la spinta avversaria, i locali non corrono più pericoli, la partita scorre abbastanza tranquilla, lamentele nei confronti del collaboratore dell’arbitro a parte, sino al 35°. Scietti, inesauribile come sempre, pressa l’avversario nella sua metà campo, gli ruba palla, va sul fondo e serve a Volpi il più comodo degli assist.

Il numero 9 fa tripletta, dando il via ai festeggiamenti in tribuna.

I bresciani, già stanchi, crollano del tutto. Volpi, su invito di Fiorentini, appoggia in porta la sua quarta rete, e avrebbero potuto arrivarne altre.

A pochi minuti dal termine, il Tue toglie Volpi, eroe di giornata, e inserisce Dognini, in non perfette condizioni fisiche.

La giusta, meritata passerella per il capitano di tante battaglie, il faro di questa squadra per tanti anni, in quella che, probabilmente, sarà la sua ultima apparizione in maglia neroazzurra. Senza un minuto di recupero, arriva il triplice fischio a certificare la salvezza dei neroazzurri.
      Valutazione della ripresa: Luisiana 25 – Orsa 20.

Valutazione finale: Luisiana 50 – Orsa 40

 

 

 

Conclusioni

Nessun commento. Sinceri complimenti alla dirigenza, a mister Lucchi Tuelli e ai suoi collaboratori, ai giocatori, a tutti i tifosi neroazzurri. La salvezza sembrava un miraggio, i giocatori del dottor Garbelli venivano dati per retrocessi al cento per cento. Ottenere la conferma in Eccellenza non è stato un miracolo, ma il frutto del lavoro, della serietà di tutte le componente di questa società alla quale, non l’ho mai negato, sono molto affezionato: Bravi.

In bocca al lupo ai giocatori dell’Orsa, che si giocheranno la salvezza con il Valcalepio nei playout.

Nella norma la direzione del signor Re Depaolini di Legnano. Un incontro abbastanza facile da dirigere e per quanto riguarda il rigore: lui l’ha visto così.

 

Tiramisù