TERZA. Playoff formato 3 x 1! Salvirola già in finale: domenica il 1° turno Excelsior - Sergnanese

Vaianesi e biancorossi si contenderanno il ruolo di outsider: chi si giocherà la promozione in Seconda sul campo di un Salvirola in forma strepitosa? Ripaltese quinta, ma fuori per un punto

Di Redazione | Venerdì, 04 Maggio 2018 10:29

A cura di Massimo Silvani


La settimana di fuoco si conclude con il verdetto forse meno scontato. Il Salvirola infatti, squadra che aveva il calendario nettamente più difficile, piomba direttamente in finale playoff, con il privilegio di giocare tra le mura amiche la sfida decisiva e due risultati su tre a disposizione.

Cavalcata strepitosa quella di Parmigiani & Co, nella prima sfida d’alta classifica con l’Agnadello, in zona Cesarini la zampata di Hammar regala la vittoria dopo una gara soffertissima. Il vantaggio dei soliti noti, Bonizzoni e Maraffino, è pareggiato dalle reti di Marelli e Stombelli, ma coraggio e determinazione della squadra di Sacchi non sono sufficienti, il 3 a2 finale riduce al lumicino le chance dei gialloneri costretti a guardare inermi il turno già recuperato del 25 Aprile. Non resta che sperare nel pareggio nella supersfida di Salvirola, tra i padroni di casa e l’Excelsior terzo in classifica. La gara roboante con l’Agnadello potrebbe aver tolto importanti energie al Salvirola, ma resta un condizionale, sul campo di casa i gialloverdi sfoderano una prestazione maiuscola. Un mare forza sette si abbatte sui gialloblu di Colucci, incredibile 7 a 2 finale che proietta i padroni di casa verso la finalissima playoff. Goleada che travolge non solo l’Excelsior, che avrà comunque modo di riprendersi e continuare a sognare la promozione, ma anche la Ripaltese, i rossoverdi compiono ampiamente il loro dovere contro il San Carlo ad Izano, ma l’orecchio è teso a quanto avviene al paese vicino e, probabilmente, odono proprio le urla del popolo salvirolese che non preannunciano niente di buono per Zucchetti e i suoi.

Nell’ultimo turno in programma l’obiettivo per le prime quattro in graduatoria, senza contare la regina già incoronata Casale, è uno solo: VINCERE.

Sembra tutto scritto ed incredibilmente lo sarà. Il classico colpo di scena spesso incontrato durante l’intero torneo, questa volta non accade. Secco 4 a 2 della seconda in classifica al San Carlo, con il solito Bonizzoni a suonar la carica e le reti di Bergamaschini e Ceruti a chiudere un girone strepitoso che vale la finale playoff. L’Excelsior si riprende e si sbarazza dell’ultimo ostacolo della regular season, 4 a 0 ad Acquanegra firmato Andrea Raimondi, Hajii e la doppietta di Martino. Fatica molto la Sergnanese che aveva molto da perdere ma qualcosa da guadagnare, in caso di vittoria e sconfitta dell’Excelsior si parlerebbe di sorpasso, ma detto della vittoria ampia dei vaianesi ad Acquanegra, non resta che vincere per l’onore. Dopo lo svantaggio decretato dalla rete di Bettinelli per l’Oratorio Castelleone,  i fratelli Borgonovo ribaltano il match, impreziosendo il loro ottimo finale di stagione. Anche la Ripaltese risponde presente, ma, come temuto, il risultato serve solo a salutare e ringraziare i propri tifosi e rimandare al prossimo anno le ambizioni d’alta classifica, i sigilli di Cavallanti e Valdameri, giocatori di categoria superiore ma mancati nel momento decisivo della stagione.

Si guarda avanti ora. Il futuro prossimo parla di Excelsior-Sergnanese, una gara da giocare al massimo. Gare come questa richiedono concentrazione, attenzione, determinazione, ogni mossa potrebbe esser quella decisiva e la tensione sarà palpabile sin dalle prime battute. Gli amanti del bel gioco potrebbero restare delusi, per chi vive di palpitazioni invece, l’habitat è quello ideale.

Sarà sfida tattica tra due allenatori preparati e che non lasciano nulla al caso. Colucci e Beretta sono tra i migliori della categoria e c’è molto di loro  in questa qualificazione alla post season. Il primo centra un terzo posto dopo esser partito da zero dopo la rivoluzione estiva, vero che molti giocatori erano già affermati nel panorama locale, ma assemblare un gruppo totalmente nuovo non è mai banale e non sempre il rendimento dei singoli è stato quello atteso. Beretta ha potuto disputare solo metà di questa stagione, dopo il buon inizio sotto la guida di Pasquini e del fidato vice Aliprandi, il giocattolo si era inceppato, portando ad un vero e proprio ribaltone in casa biancorossa.  Il nuovo mister ha lavorato con pazienza e, nonostante qualche incertezza di risultato nel primo periodo, ha ingranato le marce giuste nel periodo decisivo: la vittoria nel big match contro l’Excelsior ha esaltato la squadra in grado di proseguire con percorso netto fino all’ultima giornata, conquistando l’agognata qualificazione ai playoff.

Sarà, come detto una sfida tattica, entrambe le squadre hanno calzato spesso un 4-3-3 come vestito delle grandi occasione, in attesa di scoprire quali saranno i due onze de gala, scopriamo quali sono i crac in grado di fare la differenza. Per l’Excelsior il nome caldo è sempre e solo uno: Diego Pozzi. Indescrivibile la stagione della freccia gialloblu. Positivo in ogni ruolo in cui è stato schierato, capocannoniere dei suoi con 15 reti quasi sempre decisive ai fini del risultato finale. Non solo lui però per Colucci, la solidità difensiva guidata dal duo Miori-Repossi con l’esperienza di Luca e Pozzi e l’innesto di Angurencei, un centrocampo battagliero con Fasoli, Garbelli ed Aiolfi a garantire fosforo, le folate offensive di Martino ed il fiuto del gol mai svanito di Battaglia e Raimondi, basteranno per aver ragione degli avversari?

Vero che per i locali basterà anche il pareggio, pertanto ci aspettiamo una gara accorta e pronta alla ripartenza dei gialloblu. Beretta dovrà mostrare qualcosa in più per ottenere il successo, molte speranze passeranno dai piedi dell’estroso Riboli, l’uomo maggiormente in grado di innescare la rapidità di Borgonovo. Il recupero di Cantamessa offre una freccia in più all’arco Sergnanese, che dovrà attaccare senza scoprirsi. A metà campo il mister biancorosso potrebbe affidarsi ancora ai centimetri di Luca Borgonovo, la difesa sarà il rebus maggiore, da valutare il recupero di Morandi con Zanetti probabilmente impegnato ancora nelle retrovie. Sulle corsie potrebbero essere un fattore le falcate di Mazreku ed il sinistro vellutato del redivivo Fasoli. Tra i pali Tedoldi, miglior portiere del campionato, dovrà tenere immacolata la porta, per tener vivo il sogno Promozione.

Comunque vada, gare così vale la pena viverle ed auguro ad ognuno di poterle giocare almeno una volta nella vita, io che qualcuna l’ho persa, ma qualcuno l’ho pure vinta, dico che stavolta me la guardo volentieri comodo in tribuna!

Buon divertimento.

 

Tiramisù